Il PalaBigi è terra di conquista: La Dolomiti batte 87-75 la Grissin Bon, play off a rischio.

26/02/2017 – Una brutta, anzi bruttissima sconfitta quella della Grissin bon contro la Dolomiti Energia Trento. Tanto brutta da far paura.

Tanta paura perché questa sconfitta squarcia un quesito che sino a poche settimane fa sembrava una bestemmia anche soltanto a pensarlo: questa squadra ha le doti tecniche per conquistare un posto nei play off. Ma, soprattutto, ha la fame per tornare a regalare al popolo biancorosso le sensazioni uniche che regalano i play off? No, perché se qualcuno, per caso, non se ne fosse accorto, con i risultati di ieri adesso a rischio c’è addirittura quell’ottavo posto che se un tempo lontano, a Reggio, sembrava una posizione da sogno, dopo i cappelletti degli ultimi anni ora avrebbe lo stesso gusto di un insipido brodo di verdura.

Un attacco della Dolomiti Trento contrastato da Cervi. (da Tuttobasket)

Un attacco della Dolomiti Trento contrastato da Cervi. (da Tuttobasket)

Ma la situazione impietosa è proprio questa: Trento, vincendo, ha raggiunto a quota 22 punti la Grissin bon, portando a casa anche la differenza punti; stessa cosa ha fatto Capo d’Orlando che ha battuto in trasferta quella Cantù a cui la squadra di Menetti farà visita la settimana prossima (lunedì 6 marzo, 20,45 su Sky); e poi la neo promossa Brescia che con grande faccia tosta si è permessa il lusso di battere Avellino e di portarsi a soli due punti da Reggio. Questa, poi, per chiudere il quadro, gioca Pistoia sul campo della disperata Varese: con una vittoria, anche i toscani arriverebbero a 22 punti. Una situazione complicata.

Ma a preoccupare della sconfitta di ieri sera è, soprattutto, il linguaggio del corpo di Della Valle e compagni, le loro facce, sguardi che non si incrociano, pacche sulla spalla del compagno che non arrivano mai. Menetti ha pochissimo tempo per dimostrare che gli di Kaukenas prima e di Reynolds e Williams poi non abbiano finito per rompere il giochino. Perché le facce di ieri sera di Della Valle, Aradori e Polonara, in più occasioni  i trascinatori, non sono proprio piaciute.

E dire che la partita era iniziata nel migliore dei modi, con una Grissin bon efficace, precisa, perfino elegante e capace di mandare a segno ben sei giocatori alla fine di un primo quarto in cui la panchina non è mai stata costretta a chiamare un time out. Cervi imprendibile, De Nicolao ordinato, un Polonara preciso al tiro. Un trend positivo che continua anche nel secondo quarto la Grissin bon, sospinta da un sontuosa Kaukeans, autore di sette punti consecutivi, arriva fino al +12 (34-22) proprio grazie a un altro canestro di Polonara. Quello è, praticamente, l’ultimo squillo di una squadra che si è improvvisamente spenta: prima ha subito un contro-break di 12-2 che ha immediatamente riportato in partita Trento, poi si è infranta sul muro eretto dai ragazzi di Buscaglia, non riuscendo più a trovare il bandolo della matassa.

Derek Needham in lay out contro la Dolomiti. (da Catchweb)

Derek Needham in lay out contro la Dolomiti. (da Catchweb)

Ne è testimone la terza, bruttissima frazione, con tanti falli fischiati e tanti liberi: Trento ha fatto salire in modo impressionante la difesa, con qualche aiutino qua e là degli arbitri, costringendo Reggio a Realizzare10 punti in dieci minuti. Una miseria!

Avanti di 5 all’inizio dell’ultima frazione, la Dolomiti non ha più mollato la presa, ma è stato proprio in questa frangente che la Grissin ha fatto vedere il peggio: svogliata in difesa, immobile a rimbalzo, arruffona in attacco. Neppure la difesa a zona chiamata da Menetti ha dato la carica. Adesso è fondamentale che questa squadra dimostri di avere gli attributi. (da La Voce – G.O.)

TABELLINO

Grissin Bon Reggio Emilia–Dolomiti Energia Trento 75-87

Parziali: 25-17; 19-23; 10-19; 21-28.

Grissin Bon: Aradori 4, Needham, Polonara 12, Reynolds 9, Della Valle 7, De Nicolao 9, Strautins, Kaukenas 15, Cervi 12, Williams 7.
Allenatore: Menetti.

Dolomiti Enegia: Marble 6, Sutton 23, Craft 10, Baldi Rossi 26, Moraschini, Forray 7, Flaccadori, Gomes 4, Hogue 11, Lechtaler.
Allenatore: Buscaglia.

Arbitri: Filippini, Bartoli, Ranaudo.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *