“Una pietra d’inciampo a Cadelbosco anche per Oreste Bergomi , orrendamente seviziato dai partigiani comunisti”

23/1/2016 – Perché a Cadelbosco non viene collocata una pietra d’inciampo anche per Oreste Bergomi? Lo chiede l’associazione culturale Dea Minerva all’amministrazione comunale di Cadelbosco, all’Anpi e a Istoreco.

“Chi fu Oreste Bergomi?  Lo racconta Gianfranco Stella in uno dei suoi tanti libri. Ma per chi non vorrà mai leggerli quei libri, lo riportiamo in queste righe” – scrive Letizia Iori, animatrice di Dea Minerva –
Oreste Bergomi, un cinquantenne arruolato nella Guardia nazionale, fu prelevato dai partigiani il 26 aprile 1945. Lo prelevarono due fratelli, Abelardo e Rico Marmiroli abitanti nelle case operaie delle Reggiane. Condotto a Castelnovo di Sotto,  a Campo Ranieri fu ucciso il giorno successivo con una raffica sparata dal partigiano Destino Davoli. Ai familiari fu restituito un cadavere orrendamente seviziato: la gola squarciata,  un occhio sfondato e sei colpi di mitra alla schiena.
Lui come tanti altri vittima delle atrocità dei partigiani compiute dopo la fine della guerra!
Rendiamo giustizia anche a questi nostri concittadini e non solo a quelli del “nazifascismo”
La storia va studiata tutta e non solo una parte! – scrive l’associazione –
I nostri morti li onoriamo senza soldi pubblici a differenza di Istoreco, Anpi e amministrazioni comunali rosse che senza il finanziamento di un milione di euro dalla Regione Emilia Romagna non avrebbero fatto nulla.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *