La Manotti di Boretto (autogru) ammessa al concordato “in bianco”

18/1/2017 – La Manotti di Boretto, nota azienda di autogru e sollevatori, ha chiesto e ottenuto il concordato “in bianco” dal Tribunale di Reggio Emilia.

Il 13 gennaio il giudice delegato Niccolò Stanziani Maserati ha firmato il decreto con cui ha concesso all’azienda di via Domenico Marchesi il termine di 120 giorni per il deposito della proposta concordataria, del piano e della documentazione previsti dall’articolo 160 della legge fallimentare.

manotti

In dicembre, l’azienda borettese era stata assorbita dalla Socage di Sorbara che si era impegnata a mantenere tutti i posti di lavoro e a saldare gli arretrati dei 60 dipendenti, che da alcuni mesi erano senza stipendio. La Manotti, con un fatturato di 13 milioni e 7 di portafoglio ordini, era da tempo in crisi. L’apertura del concordato, non prevista in dicembre, ha suscitato apprensioni: si teme una ristrutturazione che potrebbe nuovamente mettere in discussione i posti di lavoro.

All’atto della acquisto della Manotti, il presidente del gruppo Socage Fiorenzo Flisi aveva comunque annunciato la concentrazione delle produzioni in un unico polo produttivo.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *