Kaukenas si presenta ai tifosi della Grissin Bon: “Sono qui per aiutare la squadra”.

di Carlo Codazzi – “A volte ritornano” è il titolo di un film cult che si addice al grande rientro in casa Grissin Bon di Rimantas Kaukenas. L’asso lituano si era ritirato dall’attività agonistica 6 mesi fa, ma ci ha ripensato ed è tornato a vestire la maglia biancorossa con la quale ha vissuto le stagioni più belle del club di patron Landi.

Kaukenas pres.ne 3

Kaukenas è stato presentato ieri nella sede della Pallacanestro Reggiana. “E’ un piacere riaccogliere Rimas tra noi – ha affermato l’ a.d. Alesssandro Dalla Salda che ha fatto gli onori di casa assieme al diesse Alessandro Frosini – . Gli dico bentornato a casa. Più che quella relativa al rientro all’attività agonistica di Kaukenas, per me la notizia vera è stata quella dell’estate scorsa quando ci ha annunciato il suo ritiro – ha confessato -. Ci ha sorpreso un po’ quando ci ha comunicato di voler tornare a giocare con noi, ma io ero sicuro che non ce l’avrebbe fatta a restare fermo a casa perchè lui nel corpo e nella testa è un atleta nel pieno della sua carriera”. Anche Frosini è stato piacevolmente sorpreso dal ripensamento di Kaukenas: “E’stata una sorpresa ricevere la chiamata che mi annunciava la volontà di Rimas di tornare a giocare – ha detto il diesse -. Reggio Emilia era la sua prima opzione. Voleva rientrare dove aveva giocato nelle ultime stagioni contribuendo alla conquista dei primi due trofei del nostro club, così abbiamo deciso di approfondire il discorso che ha portato al suo ritorno qui.  Sono emozionato e capisco quello che prova Rimas ora perché anch’io quando ho smesso ho avuto varie volte la tentazione di tornare a giocare. Ora la Grissin Bon ricompone il pacchetto esterni che aveva nella passata stagione e che ha portato alla finale scudetto”.

Stretta di mano tra Kaukenas e l'.a.d. biancorosso Dalla Salda sotto gli occhi del diesse Frosini.

Stretta di mano tra Kaukenas e l’.a.d. biancorosso Dalla Salda sotto gli occhi del diesse Frosini.

Kaukenas, dopo aver ringraziato tutte le componenti di Pallacanestro Reggiana per il suo ritorno in biancorosso, ha spiegato i motivi che l’hanno indotto a fare retromarcia: “La scorsa estate ho preso la decisione più difficile della mia vita – ha ricordato – decidendo di smettere condizionato dal dolore alla spalla e dalla delusione di aver perso con Milano la finale scudetto. Delusione alimentata dalla convinzione che avremmo potuto vincere se non avessimo avuto dei big infortunati, mentre Milano era completa. Negli ultimi 6 mesi ho faticato a trovare un ritmo costante nella mia vita nonostante le attività relative al sociale mi dessero soddisfazione. Per scaricare i nervi facevo tanta corsa e pesi in palestra, ma mi mancava l’emozione che mi dava il basket. Quando 2 mesi fa ho constatato che la spalla stava bene mi è venuta tanta voglia di giocare e mi sentivo, come lo sento ora, il fuoco dentro. Nel periodo di inattività – ha aggiunto – mi avevano cercato dei club per propormi il posto da coach, ma ora non ne voglio parlare. Nel momento in cui ho deciso di rientrare ho ricevuto una proposta da una squadra italiana e da un paio di formazioni straniere, ma ho rifiutato perché il mio cuore è qui a Reggio Emilia dove mi sento a casa”. Kaukenas si propone di tornare nel suo stile, ovvero in punta di piedi: “Sono qui per aiutare la squadra e non per rompere gli equilibri che ha trovato – ha sottolineato -. Se sono tornato per vincere lo scudetto  solo sfiorato? E’ difficile parlare di scudetto perchè prima devo capire come funziona la squadra. Sono un “rookie” e devo aiutare i compagni a migliorarsi ed è difficile dire dove si deve migliorare perché fino ad oggi vedevo la Grissin Bon da fuori”. Rimas si è mantenuto aggiornato sull’attuale campionato di serie A: “Ci sono formazioni che sono migliorate rispetto allo scorso anno – ha osservato  -. Caserta ha fatto un grosso salto di qualità così come Capo d’Orlando, Venezia è cresciuta ancora ed Avellino si è confermata ad alto livello. Milano? E’ penalizzata dal fatto di giocare ogni 3 giorni anche anche se ha un roster largo che non è semplice gestire. Se ho nel mirino la Final Eight di Coppa Italia? Una cosa è essere pronti fisicamente, un’altra avere il ritmo gara. Verificherò le mie sensazioni quando giocherò la prima partita”. Kaukenas ricalcherà il parquet nell’amichevole in programma  il 18 (h. 19) a Bolzano in cui la Grissin Bon affronterà l’Aquila Trento, mentre il debutto in campionato è previsto il 22, al Bigi, nel match con Caserta. Kaukenas si è legato ai colori biancorossi fino a Giugno 2017: “Ci siamo accordati come abbiamo sempre fatto – ha spiegato Dalla Salda -. Rimas ha sempre voluto firmare contratti annuali”.

Kaukenas pres.ne 4

Prima o poi dovrà pur arrivare il momento per Kaukenas in cui dovrà pensare ad un futuro senza il parquet, ma l’asso lituano ora ha in testa soltanto la Grissin Bon: “Un professionista deve concentrarsi sulla pallacanestro e su come migliorare la squadra – ha ribadito Rimas-. Non so per quanto giocherò ancora e a fine stagione mi confronterò con il coach e con la società . Non sono un bambino e voglio che mi venga detto chiaro se potrò ancora essere utile o meno”. Nel frattempo i tifosi biancorossi possono godersi il ritorno di un grande campione: “Kaukenas ci darà un grosso contributo di esperienza – ha concluso Frosini –. E’ molto motivato e sa come ritrovare la giusta forma fisica senza forzare i tempi. In fondo è come se fosse stato infortunato per 6 mesi”. “E’stato un infortuno di testa” la scherzosa replica finale di Kaukenas.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *