Un giorno di fitness solidale in ricordo di Nicolhas, ragazzino-coraggio stroncato dalla leucemia

di Alessandro Bettelli
12/1/2017 – Una giornata di fitness che, oltre a tonificare il corpo, apporterà energie positive anche all’anima e, perché no, alleggerirà anche il karma, per chi ci crede.
E’ in programma sabato 14 gennaio alla palestra Champion’s Club (via Gualtieri, 4 a Reggio) la “Giornata solidale fitness, in ricordo di Nicolhas“, happening organizzato dalla personal trainer Monya Bucci, zia del “ragazzino-coraggio”  volato in cielo il mese scorso.
«E’ una giornata di fitness che si prefigge uno scopo speciale: quello di raccogliere fondi che saranno interamente devoluti ai genitori di Nicolhas Ukmar, per aiutarli a onorare le spese sostenute in questi due anni per le cure del figlio».
 Nicolhas Ukmar
La quota di partecipazione a quella che è una vera lezione guidata di fitness è di appena 5 euro, ma nel corso della giornata in omaggio a Nicolhas, che era un talento già affermato nel karate, sarà possibile effettuare anche offerte libere.

«Una sola precisazione – spiega Monya – poiché la parte della palestra dedicata all’evento può ospitare solo una quarantina di persone e, avendo già riempito la seconda delle tre ore in programma (l’evento inizierà alle 14 per terminare alle 17, ndr), per chi volesse partecipare rimangono alcuni posti liberi nei due corsi che si terranno rispettivamente dalle 14 alle 15 e dalle 16 alle 17, ma è comunque consigliato prenotarsi chiamando lo 0522-569813».

Nicolhas Monya buona 2

Monya Bucci

Nicolhas Ukmar è spirato il 21 dicembre scorso, ad appena 14 anni, dopo aver lottato per due anni contro una terribile malattia, che, alla fine, lo ha sopraffatto. Nicolhas è spirato in una stanza del reparto Oncoematologico del policlinico Sant’Orsola-Malpighi  di Bologna, portato via da una forma di leucemia mieloide che non gli ha lascito scampo. Il suo dramma, il suo coraggio nel lottare per la vita, il coraggio e la determinazione della mamma Linda Domenichini, che aveva donato il midollo osseo al figlio, hanno toccato il cuore dei reggiani. Una valanga di messaggi di cordoglio si era riversata sulla pagina Facebook della madre di Nicolhas.
Nicolhas, giovanissimo campione di karate, aveva affrontato innumerevoli ricoveri e ben cinque cicli di chemioterapia senza mai perdere la voglia di vivere e di lottare. Nell’autunno 2015 il trapianto di midollo, al quale era seguito un miglioramento che aveva aperto la porta alla speranza. Poi alcuni mesi fa la ricaduta che non gli ha lasciato scampo. Innumerevoli persone gli sono state vicine, personaggi come i protagonisti di Masterchef Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Antonino Cannavacciuolo (Nicolhas sognava di diventare uno chef) e Valentino Rossi.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *