Castellarano: cittadini e carabinieri insieme danno la caccia ai ladri
Recuperata ingente refurtiva

castellarano 328/1/2017 – L’assalto della delinquenza nella zona ceramiche a superato ogni limite, ma sta provocando la reazione eguale e contraria della cittadinanza, che ha deciso di non restare più passiva e di collaborare strettamente con le forze dell’ordine. Un esempio dell’aria che tira, e che promette vita dura per ladri e rapinatori arriva da Castellarano dove i cittadini dove hanno avuto paura a scendere in strada  con le torce per aiutare i carabinieri a “stanare”  i ladri. Questi,  scoperti durante l’ultimo di una serie di raid nelle case della zona, avevano abbandonato nel cortile dell’ultimo condominio preso di mira un’’auto rubata  carica di refurtiva ed attrezzi da scasso, per fuggire a piedi.

Una parte della refurtiva recuperata dai carabinieri a Castellarano

Una parte della refurtiva recuperata dai carabinieri a Castellarano

Nonostante la caccia all’uomo, l’altra sera a Castellarano i tre malviventi sono riusciti a dileguarsi seppur a mani vuote. Ma l’intervento dei cittadini è almeno valso non solo a compiere  l’ennesimo furto, ma a recuperare una grande quantità di refurtiva. Secondo i carabinieri che conducono  le indagini, farebbero parte di una ” banda  degli acrobati”che, approfittando dell’assenza dei proprietari, nella fascia ore tra il tramonto e le 22 arrampicandosi alla gronda o al tubo del gas raggiungono gli appartamenti (anche quelli dei piani più alti) e metto a segno furti a raffica.

castellarano2

L’altra sera però i 3 malviventi sono stati costretti al piano B, quello della fuga: nei pressi di un condominio di via Radici Nord a Castellarano, che i ladri stavano prendendo di mira dopo aver compiuto  altri colpi, sono stati notati dai cittadini che hanno avvisato subito i carabinieri: vistisi scoperti, i delinquenti sono scappati a piedi abbandonando nel cortile del condominio una Fiat Punto, rubata a  fine ottobre a Nonantola.

 

I Carabinieri, supportati anche dai colleghi dei comuni vicini e da alcuni cittadini scesi in strada con le torce, hanno avviato la caccia all’uomo nell’intera zona industriale di Castellarano dove i tre ladri col favore del buoi  sono riusciti a dileguarsi.  Oltre alla Punto e a numerosi  attrezzi da scasso tipici della banda degli acrobati (tra cui flessibile e dischi per aprire casseforti) hanno recuperato anche l’intera refurtiva, del valore di alcune migliaia di euro, asportata in precedenza in un appartamento di via XXV Aprile a Castellarano (capi d’abbigliamento, calzature, profumi, ipad, smartphone e un televisore a led) e parte della refurtiva trafugata nei giorni scorsi in altre due abitazioni della zona: una di Via Tasso (orologi) e una di via Carlo Alberto dalla Chiesa (chiavi di autovetture).

Gli stessi malviventi prima di essere intercettati in via Radici, oltre al furto di Via XXV Aprile avevano cercato di rubare anche in due case di via Dante Alighieri ,sempre a Castellarano,  venendo messi in fuga anche in quel caso dai cittadini e carabinieri.

Questi banditi agiscono in maniera standard raggiungendo anche i piani più alti (grazie a gronde e tubi del gas) per poi forzare la porta a vetro del balcone entrando in casa e sbarrando, talvolta, la porta d’ingresso in modo tale che all’arrivo il proprietario non possa entrare in casa e loro quindi possano assicurarsi la fuga uscendo da dove erano entrati.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *