Appartamento a fuoco a Reggio
Trenta persone sfollate nella notte

13/1/2017 – Appartamento a fuoco questa notte in pieno centro di Reggio Emilia a causa del corto circuito di una ciabatta elettrica che alimentava uno scaldino. L’incendio è divampato intorno alle 2,30 al quarto piano del palazzo al numero 26 di viale Timavo, dove dormivano la proprietaria, una donna di 58 anni, e un uomo di 61. Entrambi sono stati  portati all’ospedale per i controlli a causa dell’inalazione dei fumi dell’incendio .

Le masserizie bruciate nell'appartamento di viale Timavo

Le masserizie bruciate nell’appartamento di viale Timavo

Sul posto sono intervenuti con diverse squadre i Vigili del fuoco e i Carabinieri del nucleo radiomobile di Reggio. Per precauzione trenta persone sono state evacuate dallo stabile e si sono trovate di colpo in strada col termometro sottozero. Per questo gli sfollati sono stati subito portati al caldo,  con mezzi dei carabinieri, della Polizia e della Municipale nello stabile ex pronto soccorso del Santa Maria Nuova.

Le fiamme hanno causato danni alla strutture e agli arredi rendendo l’appartamento parzialmente inagibile. A scopo precauzionale anche l’appartamento sottostante, al terzo piano, è stato dichiarato inagibile: gli occupanti ora sono ospitati da dei parenti. Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita.

 

Saluti

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. bruna Rispondi

    13/01/2017 alle 12:42

    Signori, fatevene una ragione : le persone NON HANNO IL LAVORO e senza soldi ricavati dal reddito del LAVORO NON possono permettersi di pagare tasse, bollette, altro. ( questi si scaldavano con lo…scaldino,….intendiamoci bene)
    Le ” politiche ” di AUSTERITA’, RISPETTO DEI VINCOLI ESTERNI, INTERNI , portano inevitabilmente a cio’.
    L’impianto ORDOLIBERISTA ultraventennale ci porta dritti ai tempi de ” i MISERABILI”
    Bruna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *