Moris Ferretti è il nuovo presidente del Ccpl. Versace, fatto l’accordo sul debito, torna al Ccfs
Nel cda due uomini delle banche
In vendita anche la collezione d’arte accumulata da Soncini

30/12/2016 – Il Ccpl Spa ha un nuovo presidente: è Moris Ferretti, nominato pochi mesi fa al vertice della controllata Coopbox. Ferretti, già amministratore delegato di Unipeg-Assofood (poi venduta al gruppo Cremonini) è anche nel cda del gruppo Iren e consigliere della società operativa Ireti.

Moris Ferretti

Moris Ferretti

Lino Versace lascia la società  per tornare alla “casa madre” del Ccfs, la struttura finanziaria di Legacoop cui è presidente. “Nessuna sorpresa – afferma Versace – Avevo annunciato da tempo la conclusione della mia missione al Ccpl non appena raggiunto l’accordo con le banche, firmato prima di Natale e che ha fatto uscire la società dall’emergenza finanziaria”. In due anni, con Versace presidente e a.d., entrato in scena in una situazione drammatica lasciata dalla ventennale gestione Soncini, il Ccpl ha saldato circa 150 milioni di debiti, ha proceduto a diverse dismissioni e ha salvato nel complesso duemila posti di lavoro.

Le sorprese riguardano piuttosto la fulminea ascesa di Ferretti e l’ingresso nel cda di due consiglieri nominati dalle banche, condizione peraltro prevista dall’accordo di ristrutturazione del debito con 14 istitutiche ha messo in sicurezza il Ccpl sino al 2020.

Un cambiamento analogo dovrebbe avvenire anche nel Ccpl cooperativa, la cui è assemblea è prevista a febbraio. Lì il presidente è ancora Mauro Casoli, mandato a casa da Unieco dopo 38 anni a seguito della “rivolta” dei soci, che avevano bloccato in extremis il progetto di fusione con la Coopsette di Castelnovo Sotto (finita in una rovinosa liquidazione coatta).

La nuova governance del gruppo Ccpl è stata varata oggi nell’assemblea che ha approvato un bilancio con una perdita di 8 milioni, coperta ampiamente dal patrimonio residuo. Il gruppo per fare cassa manderà avanti col piano di dismissioni: annunciata anche la vendita della collezione d’arte contemporanea  – centinaia e centinaia di dipinti e sculture – messa insieme negli anni su impulso di Ivan Soncini.

Lino Versace

Lino Versace

Una nota della società precisa che il cda continuerà “nel percorso avviato”  e “completerà il Piano di risanamento concordato”. Solo cinque i consiglieri:  Moris Ferretti (Presidente), Fulvio Salami e Simone Caprari  indicati dal mondo cooperativo reggiano e altri due che, come detto, saranno nominati dalle banche. Confermato Andrea Imbriani  nella carica di Direttore generale.

L’età media dei membri del cdaè di 45 anni. Per quanto riguarda i compensi, “in prosecuzione con la scelta di sobrietà e drastica riduzione dei costi già approvata dal precedente Consiglio di Amministrazione, è stato stabilito un tetto massimo annuale complessivo lordo di 65.000 euro per l’intero organo. E’ stata altresì decisa la rinuncia a qualsiasi benefit”.

“Il Piano Industriale – spiega la notadel Ccpl – “punterà in modo particolare sulle società controllate Arcoservizi, in cui è stato confermato come AD Fabrizio Bonati, e Coopbox, in cui è stato confermato come AD Emilio De Pascale. Coopbox sarà oggetto nei prossimi tre anni di valorizzazione e sviluppi commerciali (anche attraverso ingenti investimenti in macchinari), soprattutto nelle sedi di Bibbiano e Madrid. E’ previsto che l’azienda torni in utile entro il 2018, un risultato ottenuto grazie anche alla condivisa ridefinizione di tutti gli accordi negli stabilimenti in Italia e in Spagna”.

Infine il piano industriale  “prevede anche l’avanzamento del piano delle dismissioni, a partire dal trasferimento delle sedi storiche di CCPL e Coopbox, e dalla messa in vendite di diverse opere d’arte di proprietà”.

Be Sociable, Share!

4 risposte a Moris Ferretti è il nuovo presidente del Ccpl. Versace, fatto l’accordo sul debito, torna al Ccfs
Nel cda due uomini delle banche
In vendita anche la collezione d’arte accumulata da Soncini

  1. pensionato42 Rispondi

    31/12/2016 alle 15:53

    Da P.R. delle discoteche di reggio emilia ad amministratore CCPL e tra qualche hanno come dicono sarà amministratore IREN/ENIA, il bravo Moris ne ha fatta di strada.

    Perito agrario come il ministro Poletti.

    devo far fare questa scuola a mio figlio

  2. Franco Rispondi

    02/01/2017 alle 11:08

    Manager di altissimo profilo, considerando che la sua prima occupazione è stata di direttore del personale di Unipeg.
    Certo, il suo iter studiorum evidentemente non gli rende giustizia, ma volete mettere? Chi altri vanta carriere così sfolgoranti e brucia-tappe……(nella cooperazione)? 😛

    E poi c’è chi dice che questo paese perde posizioni nelle classifiche della competitività….

  3. Stefano Rispondi

    02/01/2017 alle 14:48

    Evidentemente Franco e Pensionato42 sono male informati. A me (e non solo a me, direi allo Stato Italiano) risulta invece che Moris Ferretti si sia laureato in marketing all’Universitá di Modena e Reggio. Va beh che siamo entrati nell’era della post-verità, ma raccontare balle (a Reggio si chiamano ancora così) mi sembra abbastanza disdicevole. Buon anno a tutti, e soprattutto un caloroso augurio a investire le proprie energie in attivitá meritorie e non in polemicucce un tanto al chilo.

  4. DIAMOND1951 Rispondi

    05/01/2017 alle 15:51

    ESATTO STEFANO, IO SONO UNO DEI LEGALI DEL GRUPPO CCPL.
    CONOSCO MORIS DA UNA VITA, E CONFERMO CHE E’ LAUREATO IN MARKETING.
    PER QUANTO CONCERNE GLI ESAMI DI DIRITTO, GLI HO FATTO ANCHE DA TUTOR.
    E’ COMPETENTE E PREPARATO.
    BANDO ALL’INVIDIA!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *