Lei butta fuori di casa il compagno il giorno di Natale, ma l’intervento dei carabinieri fa tornare la pace
Si moltiplicano le liti in famiglia: dieci interventi in 48 ore

27/12/2016 – Un intervento non proprio in linea con il Santo Natale, quello operato dai carabinieri di Reggio Emilia il 25 dicembre, che rivela come il fenomeno delle liti in famiglia sia in costante crescita così pure come l’abitudine a rivolgersi ai carabinieri per sanare le controversie. Vecchie ruggini mai risolte che all’improvviso tornano a esplodere, liti per questioni economiche o per l’affidamento dei figli: in cima alla “classifica” delle discussioni fra le mura domestiche ci sono soldi e sentimenti. In questo periodo di festività è capitato, come oramai accade di consueto nei weekend e nei periodi di vacanza, di assistere alla penosa situazione di padri separati a cui le ex mogli negano il diritto di vedere i figli, e prima che la situazione degeneri i carabinieri intervengono. Mediano, contribuiscono a far sbollire la rabbia, finché la lite rientra.

L’aumento dell’aggressività e il fatto che oramai il disagio sociale è forte fa sì che anche il fenomeno delle liti in famiglia sia in costante crescita, così come l’abitudine di chiamare i carabinieri. A dimostrarlo i numeri: dall’inizio dell’anno al 112 dei carabinieri del comando provinciale di Reggio Emilia sono arrivate circa 1.800 richieste d’intervento per cosiddetti privati dissidi (un media di 5 al giorno) la maggior parte dei quali (circa l’85%) ha riguardato liti in famiglia.

Uno degli ultimi interventi, appunto,  il giorno di Natale quando i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia su richiesta di un cittadino sono intervenuti in un’abitazione del capoluogo reggiano a seguito di un’accesa lite tra due conviventi.

Lei aveva deciso di cacciarlo di casa e lui non riuscendo a riprendere i propri effetti personali si è rivolto ai carabinieri. I militari dopo aver dedicato molto tempo all’ascolto delle ragioni della donna, sono riusciti a convincerla: sotto lo sguardo dei militari l’uomo, grazie alla mediazione dei carabinieri, è entrato  in casa riuscendo a prendere i propri  effetti personali. Quando poi i carabinieri uscivano con l’uomo la compagna, che nel frattempo aveva sbollito la rabbia e riflettuto sulle parole rivoltele dai militari, ha raggiunto in lacrime il compagno e  dichiarandosi pentita per l’accaduto e chiedendo all’uomo di tornare a casa, cosa che alla fine avveniva.

Un fenomeno, quello delle liti in famiglia, che i carabinieri non sottovalutano. Questi episodi infatti talvolta rischiano di diventare l’anticamera di fatti gravi: la violenza in famiglia è una delle principali emergenze anche nel territorio della provincia di Reggio Emilia. Ma questa è un’altra storia, i militari nelle ultime 48 ore sono riusciti a placare gli animi senza conseguenze in una decina di interventi. La prevenzione, a volte, funziona anche in questo delicato campo.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *