“La Reggiana è competitiva come da nostro progetto”.
Così Maurizio Franzone alla vigilia di Gubbio-Reggiana.

di Carlo Codazzi – Tanti motivi di soddisfazione in questa settimana per il D.G. della Reggiana Maurizio Franzone. Il progetto granata approntato da Mike Piazza e dallo stesso Franzone procede a gonfie vele con continue novità sul fronte del marketing (tra le quali la prossima inaugurazione del “Reggiana Official Store” presentato giovedì scorso) e con la squadra approdata al primo posto in classifica. Domani la Reggiana è attesa dalla difficile trasferta di Gubbio (h. 14.30)in cui sfiderà una diretta concorrente per la promozione staccata di soli 2 punti. La Colucci band dimostrerà di essere guarita dall’oscuro male che l’affligge quando gioca lontano da casa?  “Vediamo se abbiamo trovato la cura giusta per il mal di trasferta – la risposta del D.G. -. Abbiamo anche giocato buone gare fuori casa, ma ci è mancato decisamente qualcosa. Sono curioso di appurare se siamo riusciti ad aggiustare il tiro”.

La proprietà granata pensa in grande con tante iniziative, ma soprattutto sta diventando grande la squadra che è prima in classifica..

“Dall’inizio della stagione ho sempre affermato che volevamo essere competitivi per vincere e il primo posto conferma che stiamo solo facendo quello che avevamo detto. Siamo soddisfatti, ma bisogna continuare così”.

Il tanto atteso derby col Parma si avvicina. Un evento per la tifoseria granata che sarà festeggiato dalla società con una maglia celebrativa..

“Ora sono più focalizzato alla gara col Gubbio, poi ci saranno quelle con il Forlì e la Feralpi, dopo verrà il derby col Parma. Capisco che i tifosi lo aspettino con impazienza come tutti noi del resto. E’ una partita particolare che da un punto di vista organizzativo e celebrativo, da qui l’idea della maglia, richiede un lavoro supplementare, ma da un punto di vista tecnico no perchè i ragazzi saranno sicuramente pronti per quella gara a prescindere che sia un derby. La società, comunque, sta preparando tante iniziative per questo evento”.

In settimana è stato operato a un menisco Maltese. La preoccupano gli infortuni che continuano a bersagliare la Reggiana?

“No perché sul mercato si è operato anche in funzione di questi inconvenienti e i fatti lo dimostrano. Nonostante tanti infortuni subiti la squadra è prima e significa che è stata costruita bene. Chi numericamente stava dietro in rosa ha portato la squadra ad essere dove si trova, quindi, va bene così”.

Ci può dire, a suo parere, un pregio e un difetto della Reggiana vista sinora?

“Sicuramente in trasferta abbiamo peccato di personalità.  Se vogliamo stare davanti dobbiamo essere più competitivi fuori casa. Di pregi ne ho notati tanti tra i quali il fatto che in casa la squadra trascina i tifosi che rappresentano un altro pregio del club. Ci seguiranno tanti supporter anche a Gubbio e non credo che ci siano molte squadre in categoria a potersi vantare di questo”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *