In occasione di Reggiana-Parma prende il via il progetto di trasporto gratis allo stadio per persone in carrozzina.

di Carlo Codazzi – In occasione dell’incontro di calcio Reggiana-Parma, il tanto atteso “derby del grana”, prenderà il via un importante progetto sperimentale per offrire un nuovo servizio di trasporto gratuito allo stadio cittadino rivolto a persone costrette in carrozzina da disabilità.20161215_124359

Ad annunciare il progetto, nato dalla collaborazione tra pubblico e privato, il Sindaco Luca Vecchi nell’ambito di una conferenza stampa indetta nella Sala Rossa del Municipio. A fianco del Sindaco i rappresentanti delle altre componenti coinvolte nel progetto: il Presidente di AC Reggiana Mike Piazza, Luca Quintavalli titolare di Olmedo Spa, il direttore di Til Alfredo Ronzoni e Annalisa Rabitti, Presidente di Fcr e Coordinatrice di “Reggio Emilia città senza barriera”. Il progetto nato dalla collaborazione tra le entità citate, in questa prima fase sperimentale, è rivolto a tutte le persone in carrozzina residenti nel Comune di Reggio Emilia che desiderano raggiungere lo stadio per seguire le partite della Reggiana. Inizialmente, il servizio è disponibile per 9 persone disabili oltre ad altre 9 persone che fungono da accompagnatori e comprende il trasporto gratuito, tramite un mezzo attrezzato, dal domicilio dell’utente disabile all’ingresso principale dello stadio ai piedi della Tribuna Centrale. L’accesso nel’impianto è gratuito sia per la persona disabile che per il suo accompagnatore che dovrà ritirare alla Cassa Accrediti delle biglietterie dello stadio i biglietti nominativi. Al termine della partita si provvederà al trasporto di ritorno. 20161215_122339

Per usufruire del servizio occorre contattare, dal lunedì al giovedì, dalle ore 7 alle ore 17, comunque fino ad un massimo di 3 giorni prima della partita, il call center di Til al n. 0522-927654 che funge anche da centro di coordinamento. Til consiglia di chiamare subito ad inizio settimana. Per assegnare i 9 posti previsti si procederà in ordine temporale di prenotazione. Al momento della prenotazione l’utente dovrà fornire i dati richiesti dall’operatore utili per la pianificazione del trasporto e per la prenotazione del posto allo stadio e per l’accesso al medesimo. Attualmente, verranno predisposti al servizio 3 mezzi di trasporto pubblici attrezzati da Olmedo Spa che trasporteranno, ciascuno, 3 persone disabili con i 3 accompagnatori. Trattandosi di una fase sperimentale si verificherà in futuro se potrà essere possibile estendere il servizio ad un numero maggiore di utenti disabili tenendo conto delle disponibilità tecniche dello stadio cittadino.20161215_122242

Il primo cittadino, Luca Vecchi, ha espresso grande soddisfazione per l’iniziativa: “Siamo fieri di aver promosso un servizio simile assieme ad altre entità pubbliche unite alla Reggiana e ad un’azienda privata, Olmedo Spa, sponsor della stessa Reggiana. La nostra Amministrazione – ha spiegato – ha dato corpo a vari progetti rientranti nel più ampio progetto “Reggio Emilia città senza barriere” gestito da Farmacie Comunali. Il progetto presentato ha al centro persone disabili nell’ambito sportivo. Da parte di Reggio Emilia, città delle persone, quest’iniziativa rappresenta un bel messaggio valoriale di come interpretare la cultura sportiva a pochi giorni dalla disputa di un derby molto sentito”.

Luca Quintavalli, titolare di Olmedo Spa, ha espresso un auspicio:  “Mi auguro che il progetto presentato oggi divenga un modello che possa essere condiviso e attuato anche da altre città per i propri stadi. Assieme alla Reggiana approntiamo progetti che poi mettiamo in atto. Sono orgoglioso di rappresentare quest’iniziativa che pochi avrebbero pensato fosse realizzabile. Ringraziamo il Comune e gli enti pubblici che vi hanno partecipato. Olmedo ha fornito idee e supporto tecnico al progetto”.20161215_124451

Molto orgoglioso dell’iniziativa il presidente di AC Reggiana, Mike Piazza: “Siamo molto onorati come club di aver partecipato al progetto presentato che è unico nel mondo del calcio – le parole del presidente granata -. Negli Stati Uniti ci sono liste di accesso preferenziali negli stadi, ma non ci sono servizi organizzati per portarvi persone con disabilità per poi trasportarle di nuovo alla propria abitazione. A mio nome  e della Reggiana ringrazio il Comune e tutti i partner di questo progetto che ci permette di crescere come società e di far sempre più parte del tessuto cittadino. Desidero che si pensi alla Reggiana non solo come ad una società di calcio, ma anche come ad un’istituzione sociale cittadina. Vogliamo essere un’eccellenza nel calcio, ma anche in campo sociale a favore della nostra città e desideriamo essere disponibili verso tutti i nostri tifosi compresi quelli affetti da disabilità”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *