Il post match del Sassuolo è un coro: “Abbiamo giocato alla pari con l’Inter e meritavamo il pari”.

di Carlo Codazzi – Il Sassuolo decimato dagli infortuni e con tanti giovani in campo ha perso in casa con l’Inter, ma non ha affatto demeritato._er_0975

Nella ripresa Matri ha avuto sui piedi il pallone del pari facendo arrabbiare il pubblico, ma Di Francesco ha difeso la sua scelta di togliere Ricci per immettere l’attaccante ex Lazio: “Ho visto bene in settimana Matri e volevo dare più peso all’attacco – ha spiegato -, inoltre Ricci non incideva sulla gara. Abbiamo anche creato delle buone situazioni, ma io non ho la bacchetta magica. Abbiamo 9 infortunati, poi pure Missiroli si è fatto male dopo 5’ dal suo ingresso lasciandoci in pratica in 10. I ragazzi hanno fatto una partita di cuore e di sostanza contro una squadra di alta qualità che dovrebbe lottare per la Champions.

Eusebio Di Francesco in sala stampa al termine di Sassuolo-Inter.

Eusebio Di Francesco in sala stampa al termine di Sassuolo-Inter.

Abbiamo rischiato di prendere il raddoppio nel finale perché avevamo tanti giocatori offensivi per pareggiare e le occasioni le abbiamo avute, ma non le abbiamo sfruttate. Il gol è nato da una nostra ingenuità su una palla in uscita che non doveva essere giocata in quel modo, ma il risultato dà ragione a chi vince. Io guardo alla prestazione e noi non abbiamo sfigurato”. Con tanti infortunati potrebbe essere opportuno intervenire sul mercato di gennaio? “Adesso c’è una gara importantissima e devo pensare a chi mettere in campo col Cagliari – ha risposto il mister –. Oggi dal punto di vista dell’impegno e del cuore la squadra ha fatto bene con un a squadra di età media molto bassa. Questi ragazzi sono cresciuti ma è mancato quel pizzico di malizia durante la gara. Se la classifica mi preoccupa? Facciamo buone prestazioni e prima o poi arriveranno i risultati – ha detto sfoderando fiducia. Al primo errore prendiamo gol, il che significa che ci sono difetti da correggere. In genrale, paghiamo le assenze e il doppio impegno di coppa. Già 2 mesi fa ho detto che dobbiamo pensare a salvarci e dobbiamo essere forti in questo momento”.

La formazione dell'Inter scesa in campo al Mapei.

La formazione dell’Inter scesa in campo al Mapei.

Per Cristian Dall’Orco il Sassuolo doveva essere più cinico: “E’ mancata la concretezza innanzitutto, sul gol abbiamo cercato di giocare la palla come facciamo sempre e ci sta che si sbagli il passaggio. Adesso deve uscire il gruppo e oggi l’abbiamo dimostrato giocando alla pari dell’Inter pur con tanti assenti. Non dobbiamo cercare alibi e uscire dalle difficoltà tutti assieme”. Stefano Sensi ha sottolineato i meriti del Sassuolo: “Il pari era il risultato giusto perchè abbiamo creato tanto e la prestazione è stata ottima, ma il gol è nato da un nostra distrazione che con l’Inter si paga. Sul mio tiro Handanovic ha fatto una grande parata anche se io volevo tirare sul secondo palo. Dobbiamo essere più cattivi. La differenza di valori tecnici con l’Indter non si è vista”.

Stefano Pioli nel post match di Sassuolo-Inter.

Stefano Pioli nel post match di Sassuolo-Inter.

Mi sono arrabbiato sull’espulsione di Melo perché il secondo giallo non c’era – ha attaccato Stefano Pioli. Melo non poteva essere così lucido da sapere che Joao Mario sarà squalificato alla prossima. E’ la nostra seconda gara senza subire reti? Non vincevamo fuori da settembre e stiamo crescendo – la risposta del mister nerazzurro -. Ho visto nei miei ragazzi la voglia di sacrificarsi per vincere una gara difficile. Tutte le nostre gare adesso sono importanti. Ho invertito Murillo e Miranda perché Murillo ad inizio azione può muoversi meglio sul centro destra. In sostanza è stata una mossa per favorire la costruzione dell’azione. Gabigol? Ho scelto di inserirlo in attacco per giocare i minuti finali perché era pronto.

Stefano Pioli ai microfoni di Inter Channel nel post match Sassuolo-Inter.

Stefano Pioli ai microfoni di Inter Channel nel post match Sassuolo-Inter.

Comunque, dobbiamo migliorare nella gestione della palla e del risultato. Nel calcio è sottile il limite tra vincere o non vincere e se abbiamo avuto quel poco in più nel risultato finale significa che abbiamo i nostri meriti – ha puntualizzato – e ce li teniamo stretti”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *