Il Consiglio di Stato blocca la trasformazione delle Popolari in Spa: “Rischio danni per i soci”
Attesa sentenza della Corte Costituzionale. Cosa succederà in Bper?

3/12/2016 – E’ nel caos il processo di trasformazione delle Banche Popolari in società per azioni.

Il Consiglio di Stato ha sospeso in via cautelare la circolare della Banca d’Italia che contiene le misure attuative per la trasformazione delle popolari in Spa, riforma varata dal governo nel 2015.

consiglio-di-stato

Il Consiglio di Stato ha anche rinviato a una prossima Camera di consiglio la trattazione nel merito della questione, dopo che la Corte Costituzionale si sarà pronunciata sulla legittimità della riforma stessa. Il giudizio della Consulta sarebbe imminente.

La decisione del Consiglio di Stato, che è l’organo supremo della giustizia amministrativa, è arrivata pochi giorni dopo che l’assemblea di Bper (Popolare Emilia Romagna) ha approvato con un voto plebiscitario la trasformazione in società per azioni. A questo punto, prima di passare alla fase operativa, si dovrà attendere la sentenza della Consulta.

Secondo il Consiglio di Stato, a proposito della limitazione del diritto di recesso per i soci, la circolare Bankitalia sulla trasformazione delle Popolari in spa presenta “profili di non manifesta infondatezza” di legittimità costituzionale e “appare affetta da vizi derivati nella parte in cui disciplina l’esclusione del diritto al rimborso”.  Inoltre  “i provvedimenti impugnati (e la disciplina legislativa sulla cui base sono stati adottati) incidono direttamente su prerogative relative allo status di socio della banca popolare, così presentando profili di immediata lesività”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *