Così la spongata diventò Zelten
Un dolce Capodanno con Angelina Magnotta al castello di Rossena

28/12/2016 – L’Associazione Culturale Matilde di Canossa organizza  al Castello di Rossena domenica 1 gennaio 2017 alle ore 15,30 un incontro con la  professoressa Angelina Magnotta, autrice del volume “La spongata e lo Zelten tra Via Francigena e Via Teutonica. Storie di dolci, donne, cavalieri e pellegrini”.

spongate-a-rossena-3

Un pomeriggio per inaugurare il nuovo anno tra storia e tradizioni.

La spongata, dolce che vanta origini medievali, evoca il passato e non ha subito rivisitazioni in età moderna, conservando intatto il suo carattere originario, fatto di un impasto ricco e profumato di frutta secca, di miele e di spezie.spongate-a-rossena-2

La spongata era il dolce dei pellegrini, perché ricco di calorie, e quindi adatto a sostentare durante il faticoso cammino dei pii viandanti, ma anche perché poteva essere conservato a lungo e costituiva quindi una riserva di cibo. Attraverso le vie di pellegrinaggio ha potuto così diffondersi in terre lontane, modificandosi cammin facendo in modo più o meno sostanziale, sino a superare anche le Alpi, per divenire il germanico “Zelten”.

La Professoressa Magnotta, con puntuale e rigoroso riferimento alle fonti documentarie, ha ricostruito il percorso della spongata a partire dalla sua area tipica, quella lunigiana e quella emiliana, dove il dolce con il tempo ha dato origine a una gamma di varianti locali che costituiscono gelose prerogative delle diverse popolazioni delle vallate che le hanno espresse, ciascuna delle quali ritiene la sua versione della spongata sia quella “originale”: da Pontremoli a Sarzana; da Monchio a Pracchiola; da Berceto a Corniglio; da Brescello a Crema e così via.

L’evento ha il patrocinio della Società Reggiana di Studi Storici.

Al termine piccola degustazione di spongate tradizionali.

Il castello di Rossena

Il castello di Rossena

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Angelina Magnotta Rispondi

    29/12/2016 alle 20:22

    È proprio in Emilia, terra di smistamento e passaggio
    tra Nord-Sud ed Est-Ovest, che si annuncia il cambio
    lessicale tra spongata e Zelten. Più raffinata la prima,
    più aderente alla descrizione ovidiana il secondo,
    con la sua farcitura con i fichi di Caria, i “carica” dei Fasti.
    A presto, nel Castello di Rossena, con la conservatrice
    Prof.ssa Angela Chiapponi, Presidente della Società
    Reggiana di Studi Storici
    Angelina Magnotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *