Sfida fondamentale per la Conad Volley a Grotazzolina. Silva ammonisce: “Non c’è più spazio per errori”.

di Carlo Codazzi – Il dopo Spoleto non è semplice per la Conad Volley Tricolore che ha dovuto incassare, oltre al k.o., l’eliminazione dalla Coppa Italia di A2 scivolando al 7° posto in classifica, a quota 11 punti, costretta ad inseguire la quinta posizione per accedere alla poule promozione. Il capitano Giulio Silva ha analizzato il momento della squadra giallorossa partendo dal match perso domenica scorsa al Pala Bigi.

Giulio Silva

Giulio Silva

 

Giulio, a cosa è dovuto il cattivo approccio dei 2 primi set dell’incontro perso con la Monini Spoleto?

“Non abbiamo sbagliato l’approccio dal punto di vista tecnico, ma mentale perchè siamo entrati poco aggressivi. Ci è già accaduto almeno 3 volte in stagione. Anche con Civita Castellana e Mondovì non siamo entrati sul parquet aggressivi e 3 gare giocate con questo problema sono troppe. E’un problema più mentale che tecnico perchè quando cominciamo a giocare rimontiamo e sfioriamo la vittoria. Non siamo inferiori a nessuno tecnicamente nel girone, ma dobbiamo capire cosa ci frena mentalmente”.

Il black out accusato dalla Conad nel 4° set con Spoleto è stato dovuto solo alla bravura di Festi in battuta?

“Festi è dotato di una fra le migliori battute del campionato di A2 e noi l’abbiamo subita. E’anche vero che abbiamo ricevuto e attaccato sulle sue prime 4 battute per poi subire il muro avversario. Se avessimo subito 4 aces allora potrei dire che ci sono stati anche problemi nostri. Bravura sua, ma colpa anche del nostro momento difficilei”.

Ora vi aspetta la trasferta con Grotazzolina. Ci può dire i punti deboli e quelli forti dei prossimi avversari?

“Grotazzolina è una neopromossa, ma è una bella squadra con qualche punto debole che stiamo studiando e che non rivelo. Per batterla dobbiamo essere al 100% mentalmente e fisicamente. Il loro punto forte è rappresentato dal fatto che giocano insieme dall’anno corso e sono  affiatati. Giocano a memoria e in casa hanno trovato i giusti equilibri. Nel roster, poi, hanno giocatori con esperienza di serie A quali Salgado e Paris”.

Cosa serve in più alla Conad per accedere ai play off promozione?

“Serve non commettere errori perchè non c’è più spazio per farli. I bonus ce li siamo già giocati. Non possiamo più perdere e non sarà facile fare punti con tutti, ma non  è scontato non conquistarne con qualcuno in particolare”.

Se doveste retrocedere nella poule salvezza la squadra correrebbe il rischio di deprimersi?

“No. Ci si rimbocca le maniche sapendo di avere davanti 3 mesi molti duri perché su 10 formazioni ne retrocederebbero 5. Dovremmo solo lavorare duramente perché finire nella poule salvezza significherebbe che c’è molto da migliorare. Comunque, sono convinto che abbiamo tutte le carte in regola per entrare nelle prime 5 ed accedere ai play off”.

Come mai accusate difficoltà a giocare in casa?

“Al Bigi abbiamo giocato contro Bergamo, Brescia, Spoleto e Civita, ovvero contro 4 delle prime 5 squadre in classifica e con Brescia abbiamo vinto. Non erano gare facili e forzatamente ci sono state difficoltà. Pensiamo a far valere il peso del fattore campo quando arriveranno le altre”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *