Settima vittoria consecutiva della Grissin Bon: è record del club! I biancorossi piegano Pesaro 87-80.

20/11/2016 – Settima vittoria consecutiva della Grissin Bon, ma che fatica contro Pesaro! Pessimo terzo quarto, con soli otto punti realizzati. Nel finale le bombe di Needham e i liberi di Aradori scacciano l’incubo.

La Grissin bon scherza con il fuoco e contro la Consultinvest Pesaro si regala un finale con il brivido sul quale in pochi avremmo scommesso prima della partita. Contro una squadra che ha soli quattro punti in classifica e che fino a ieri era tornata dalla tre trasferte con altrettante sconfitte, e con una poco invidiabile media di 68,7 punti realizzati, la Menetti band ha sofferto più del dovuto e la sensazione è che in troppi abbiamo affrontato la gara con un pizzico di rilassatezza, quasi a voler tirare il fiato dopo le sei vittorie consecutivi, molte delle quali contro avversarie che Reggio ritroverà nella final eight di Coppa Italia a Rimini e nella bolgia dei play-off. Soltanto con un approccio troppo tenero si può spiegare quello che è successo ieri pomeriggio in un palaBigi, come sempre, gremito: nel primo quarto, Pesaro ha infilato una serie di canestri (18 punti reali nei primi sei minuti) quasi tutti costruiti e finalizzati allo stesso modo, senza che Cervi e compagni riuscissero a trovare qualche contro misura. Pick’n roll centrale play-pivot con Jones che è andato comodamente a depositare a canestro senza alcune difficoltà i 12 punti che ha messo a referto nei primi dieci minuti. Anche dall’altra parte del campo, la Grissin bon è sembrata lontana parente di quella applaudita in questa prima di parte di stagione, con poco gioco di squadra e le invenzioni dei singoli a tenere la squadra in scia dei marchigiani. Due bombe di Della Valle, due ottimi canestri di Needham in arresto e tiro; ci mette il suo contributo anche Polonara con una tripla, ma il risultato è che Pesaro si ritrova avanti di 3 (23-26), anche grazie ai 3 rimbalzi in attacco che evidenziano un Cervi poco attento. Unico a salvarsi, Gentile, rientrato dopo tre settimane e bravo a realizzare un canestro e a sfornare due assist.

Needham e Lesic esultano alla sirena finale.

Needham e Lesic esultano alla sirena finale.

A inizio della seconda frazione, Menetti si è affidato al secondo quintetto, con i cinque che normalmente iniziano le partite tutti a sedere. De Nicolao a portare palla, Gentile guardia, Strautins ala piccola, con Polonara ala grande e Lesic da cinque. Ed è stato proprio Lesic ad accendere la miccia: prima una bomba, poi un canestro da sotto dopo il rimbalzo, poi due liberi e in un amen la Grissin bon sfrutta il parziale di 9-0 per portarsi sul 32-26. A cambiare inerzia alla gara, oltre a Lesic, proprio l’approccio mentale del nuovo quintetto, con Menetti che ordina il pressing a tutto campo e Pesaro che mostra tutti i suoi limiti. Bucchi prova anche la zona, ma Reggio sembra aver cambiato marcia e vola negli spogliatoi sul 48-39.

Dopo l’intervallo, quando tutti si aspettano una Grissin bon rinfrancata, quella che torna in campo è ancora una squadra senza mordente, ben peggio di quella vista nel primo quarto, visto che non ci sono Della Valle e Needham a togliere le castagne dal fuoco. Zero punti nei primi tre minuti, che diventano due a metà frazione e che saranno otto alla fine del quarto: una miseria, mentre dall’altra parte, Pesaro, spinta da Thornton, inizia a prendere fiducia e pian piano prova ad allungare fino al più 4 alla fine della terza frazione.

Della Valle e Needham, in campo con tre falli, prova a scuotere la squadra con due bombe; a dargli man forte c’è un Lesic concreto,a ma Pesaro è in fiducia e ribatte colpo su colpo. Ci provano anche Polonara (70-66) e Aradori (73-70), ma il loro tiro pesante non basta a scacciare un avversario che continua a trovare troppi canestri con le penetrazioni dei piccoli nel cuore dell’area reggiana.

Il colpo decisivo lo assestano, soltanto nei due minuti finali, prima Needham con due bombe, poi costretto a uscire per il quinto fallo con tutto il pubblico ad applaudirlo; Aradori prende il testimone e insacca il 4/4 ai liberi nei secondo finali e scaccia l’incubo di una sconfitta che sarebbe stata difficile da digerire.

Tabellino

Grissin Bon Reggio E. – Consultinvest Pesaro  87-80

Parziali:          23-26; 48-39; 56-60; 87-80

Progressivi:   23-26; 25-13; 8-21; 31-20

Grissin Bon: Aradori 18, Needham 17, Delroy James 2, Della Valle 16, Cervi 5, Polonara 11, De Nicolao, Strautins 2, Lesic 14, Gentile 2. All. Menetti

Consultinvest: Fields 7, Jasaitis 6, Jones 22, Zavackas 6, Harrow 16, Gazzotti 2, Thornton 18, Ceron 3, Nnoko. N.e.: Cassese, Bocconcelli , Serpilli. All. Bucchi.

Arbitri: Filippini, Weidman, Grigioni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *