Rifiuti, continua l’espansione di Iren: acquisito il 45% di Gaia Asti

23/11/2016 – Continua l’espansione di Iren nel settore rifiuti: IREN Ambiente S.p.A., società controllata al 100% dalla multiutility di cui Reggio Emilia, Torino, Genova, parma e Piacenza sono gli azionisti principali, si è aggiudicata la gara per il 45% del capitale sociale di G.A.I.A. (Asti) e il contestuale affidamento per un periodo di 15 anni, del servizio di recupero, trattamento, smaltimento dei rifiuti urbani nell’ambito dei Comuni aderenti al Consorzio di Bacino dei Rifiuti dell’Astigiano.

G.A.I.A. S.p.A., il cui capitale sociale è detenuto da 115 Comuni dell’area astigiana, è attiva in tale territorio attraverso 2 impianti per il trattamento del rifiuto urbano differenziato ed indifferenziato, un impianto per il compostaggio dei rifiuti organici, una discarica per rifiuti
urbani e speciali a cui si aggiungono 9 eco-stazioni. Sulla base della documentazione fornita dalla stazione appaltante, al 31 dicembre 2015 la società ha riportato un Margine Operativo Lordo pari a circa 4,4 milioni di euro e una posizione finanziaria netta negativa (cassa) per circa 450.000 euro.
Continua così l’espansione di Iren nel business rifiuti: a Gennaio l’acquisizione del 60% dell’inceneritore di Torino,quindi il controllo della multiutility Athena di Vercelli, l’ingresso nella gestione degli impianti di Acam Spezia, e ora l’operazione Gaia. In corso oltre le trattative per l’incorporazione di Amiu Genova in Iren.

L’acquisizione del 45% del capitale sociale di G.A.I.A. S.p.A. avverrà tramite aumento di capitale pari a circa 15 milioni di euro.

“L’ingresso di IREN nel capitale sociale di G.A.I.A. – ha dichiarato il Presidente Paolo Peveraro – rappresenta un ulteriore atto concreto nell’ambito del progetto di aggregazione territoriale, che costituisce un elemento importante del piano industriale 2016-2021. L’interessante patrimonio impiantistico di G.A.I.A., in ambito di trattamento e smaltimento dei rifiuti, potrà rinforzare la dotazione di asset industriali del Gruppo, aumentando la sua capacità di coprire l’intero di ciclo di gestione dei rifiuti. Nel contempo G.A.I.A. stessa potrà beneficiare di un più ampio e articolato sistema infrastrutturale e di servizi, che solo l’appartenenza ad un grande gruppo può garantire, così da valorizzarne ulteriormente competenze distintive e know-how maturato”.

“L’acquisizione del 45% del capitale sociale di G.A.I.A” – ha commentato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo – “prosegue l’importante programma di presidio territoriale che nel corso del 2016 ha subito una forte accelerazione: si somma, infatti, sia all’acquisizione di una partecipazione di controllo in TRM, a gennaio del 2016, che ha permesso al Gruppo di gestire l’intera catena del valore nel ciclo integrato dei rifiuti in ambito torinese, sia al raggiungimento del 60% del capitale sociale di Atena, la multiutility attiva nel territorio vercellese. Come anticipato nel piano industriale presentato ad ottobre, nel prossimo futuro sono previste ulteriori opportunità di aggregazione e consolidamento che verranno attentamente valutate ed eventualmente colte se in linea con la struttura patrimoniale e finanziaria di IREN.”

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *