Questura in guerra con i bordelli cinesi Chiusi altri due centri massaggi, e siamo a quota venti

23/11/2016 – Sequestrati dalla Questura altri due centri massaggi, in realtà bordelli gestiti da cinesi, a Reggio Emilia .

Gli interventi della Polizia sono avvenuti in via Plauto nr. 1/A , dove è stato sottoposto a sequestro il centro “Estetica e Massaggi K2”, e in via Gramsci 104 con i sigilli al centro Tuina Vinas di Yang Hua”.

In entrambi gli esercizi gli agenti hanno accertato l’esercizio di attività di prostituzione abitualmente tollerata dal personale e dal titolare, lo stesso per i due centri.

Entrambi i sequestri sono stati convalidati dal G.I.P. che ha disposto il mantenimento dei sigilli.

Dal marzo 2015 sono venti i centri massaggi chiusi dalla sola Questura a Reggio e in provincia.

L’operazione di chiusura di esercizi pubblici ove viene abitualmente tollerato l’esercizio della prostituzione . sottolineano in via Dante – è partita dalle segnalazioni dei cittadini, ma è fortemente voluta dal Questore Isabella Fusiello per bonificare dall’illegalità, manifesta, aree della città e della provincia.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *