Anime morte in sala reggiana Pizzicati altri quattro furbastri dei permessi invalidi
Tagliandi fotocopia, uno intestato a persona deceduta da mesi

17/11/2016 – La Polizia Municipale di Reggio Emilia continua la caccia ai furbastri dei permessi auto per disabili: scoperti in questi giorni quattro casi emblematici di malcostume nell’uso e nell’abuso dei permessi. In un caso, che sembra ispirato alle Anime Morte di Gogol, il tagliando era intestato a una persona deceduta da tempo.  

In due occasioni, gli automobilisti sanzionati avevano esposto fotocopie a colori dei tagliandi , pur avendo  automobili abbinate ad un permesso vero. “Questa pessima prassi – spiega il comando della Municipale – consente a più auto, indipendentemente dalla presenza della persona avente diritto, di poter sostare sugli stalli riservati ed è vietata dal Codice della strada”.

stalli-invalidi

Ma altri due casi sono ancora più gravi: “Un’auto  utilizzava il permesso di una persona che, a, momento della sanzione,  era assistita presso una struttura in un altro luogo della città, che oltretutto aveva raggiunto utilizzando i servizi di accompagnamento del Comune”. Nell’altro caso, particolarmente eclatante, il titolare del permesso usato era morto da mesi.

“Questa azione di contrasto -ricorda in una nota il Comune -ha lo scopo di ridurre al minimo gli abusi e di favorire l’utilizzo del permesso, un’opportunità importante, da parte delle persone che ne hanno un reale bisogno”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Ughetta Rispondi

    18/11/2016 alle 08:47

    Lo squallore umano e morale non ha limiti.
    Oggi peggiorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *