Irruzione nello studio dell’avvocato Enza Rando di Libera: “non furto, ma messaggio intimidatorio”

29/11/2016 –  “Hanno messo mano alle carte processuali. C’era un cassetto aperto ma non hanno preso nulla, c’erano cose di valore ma sono state lasciate lì. E’ inquietante. Non credo sia stato un furto, ma un messaggio intimidatorio”. Lo ha detto la vicepresidente nazionale di Libera Enza Rando, avvocato che per Libera è impegnata nelle costituzioni di parte civile in numerosi processi di mafia, che nei giorni scorsi ha subito un intrusione nel suo studio modenese, diviso con l’avvocato Christian Mattioli Bertacchini, responsabile Legalità del Pd di Modena. Enza Rando è impegnata anche nel processo Aemilia in corso a Reggio.
“Sono un poco confusa – ha aggiunto – Noi facciamo molti processi delicati, sempre come parte civile. Ma che degli sconosciuti entrino nello studio mentre siamo ad un convegno sulle mafie, ed entrano senza prendere nulla, aprendo i cassetti e guardando i fascicoli, ci inquieta”. Il legale ha aggiunto di non sapere se l’intrusione possa essere collegata al processo Aemilia: “Spero si possa fare chiarezza, ma noi non ci fermiamo”, ha concluso.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Roseanna Rispondi

    25/04/2017 alle 00:07

    That’s a weh-ttloughl-out answer to a challenging question

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *