Il tonfo della Reggiana a Pordenone sconcerta mister Colucci: “Inspiegabile l’involuzione della squadra”.

di Carlo Codazzi – Bocciatura pesante per la Reggiana all’esame Pordenone. Secca sconfitta condita da una prestazione pessima. Un flop clamoroso dopo la bellissima vittoria ottenuta soltanto lunedì scorso con la Sambenedettese.

Leonardo  Colucci è rimasto sconcertato, al pari dei tifosi granata al seguito, dalla prova molto negativa della Regia: “Quando sul campo tutti gli 11 si mostrano assenti c’è poco da dire – il laconico commento del mister -. Inspiegabile un’involuzione simile rispetto alla gara di lunedì, evidentemente non siamo pronti per il salto di qualità – la sentenza di Colucci -. Il black out ci è già successo fuori casa e tutti dobbiamo recitare il mea culpa e lavorare. Forse, ma non è una scusante, abbiamo bisogno della settimana intera per preparare le partite”. Difficile trovare rimedi nell’intervallo in una partita così negativa per un allenatore: “ Oggi avrei cambiato tutti gli 11 a fine 1° tempo. – ha confessato amaro -. Il problema sta nella testa e può essere che paghiamo l’impatto fisico con gli avversari che in casa loro hanno più furore agonistico – ha spiegato poco convinto – e per questo subiamo“. In avvio di ripresa la Regia pareva aver cambiato passo poi luce spenta dopo il 2-0. “Abbiamo preso un gol stupido in ripartenza, cosa che non deve mai accadere, dopo un buon avvio nel 2° tempo e siamo andati ancora in bambola. Con la Samb abbiamo giocato una partita bellissima solo 4 giorni fa e oggi c’erano gli stessi uomini in campo – ha ribadito incredulo -. Ci lecchiamo le ferite e ripartiamo”.

Simone Perilli ha fatto una disamina tanto onesta quanto disarmante del ko: “Ha vinto chi ha avuto più fame – ha affermato -. Il Pordenone ha corso più di noi e si è rivisto il film della gara di lunedì con noi a fare la parte della Samb. Lì abbiamo avuto più fame degli avversari, oggi no. Siamo partiti con l’atteggiamento sbagliato senza dimostrare la voglia della squadra che deve vincere su tutti i campi e non so dire perché. Speriamo che questa sconfitta ci faccia crescere. Cosa ho combinato sul colpo di testa di Arma? La palla mi è rimbalzata male e mi ha preso alla sprovvista, un episodio che vorrei rivedere. Il non gol di Cesarini? Nemmeno lui sa dire se il pallone è entrato”.

Unica nota positiva della trasferta friulana il debutto in campionato di Alessandro Cesarini. “Sto bene e sono contento di essere tornato in campo anche in campionato, ovvio che speravo in esordio migliore – lo scontato commento di Ale -. Il mio non gol? Mi pareva che la palla stesse entrando, ma penso non fosse gol – ha onestamente confessato-. Loro sono partiti forte e abbiamo preso subito l’1-0 e quando inizi così è difficile ribaltare l’inerzia. Ci voleva un episodio favorevole, ma siamo tutte lì e lavorando si può risalire. Oggi ha vinto il più forte? Sì, ma solo oggi perché noi siamo forti e vogliamo sempre imporre il nostro gioco, a volte ci riusciamo stavolta no. Siamo già concentrati sulla prossima gara. Il Mio ruolo? Trequartista dietro a 1 o 2 punte oppure seconda punta, ma gioco ovunque pur di andare in campo ora dopo aver passato mesi difficili”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *