I 5 Stelle piantano mille alberi per il bosco Dario Fo

 20/11/2016- “L’idea di ritrovarmi, dopo, con Franca in un giardino, lei e io mutati in due begli alberi, il suo magari con le foglie dorate come erano i suoi capelli… sarebbe bellissimo. Se un qualcosa dovesse esserci dopo, vorrei che fosse così.” Così Dario Fo in “Dario e Dio” il suo penultimo libro edito ad inizio 2016, parlava della morte e di come immaginava il suo aldilà, al fianco dell’amata Franca Rame. 

I volontari M5S che hannopiantato mille alberi per il bosco Dario Fo

I volontari M5S che hanno piantato mille alberi per il bosco Dario Fo

Questa mattina oltre sessanta volontari organizzati dal Movimento 5 Stelle di Reggio Emilia hanno messo a dimora mille alberi ricordando così eDario Fo ed iniziando a costruire il bosco urbano a lui dedicato  in viale Dino Pampari /via Settembrini in zona Buco del Signore. Alla presenza anche dell’assessore all’ambiente Mirko Tutino è iniziata la messa a dimora di centinaia di piante autoctone nell’area.
E’ stato alberato un tratto di pista ciclabile di circa cinquecento metri e sono state create le prime due fasce boscate, parte di un progetto che sarà partecipato. I cittadini ei prossnimi anni non solo metteranno a dimora altre migliaia di piante, ma insieme discuteranno il progetto del bosco dedicato a Dario Fo con incontri aperti alla cittadinanza. E oggi mentre si piantavano alberi sono stati diversi i cittadini residenti a fermarsi e lanciare loro stessi idee e discutere con i partecipanti.
I volontari M5S al lavoro a Buco del Signore

I volontari M5S al lavoro a Buco del Signore

“Da chi immaginava di costruire un piccolo frutteto a chi realizzare un percorso arboreo-culturale che spiegasse in tappe la vita di Dario Fo e Franca Rame, a chi ha immaginato una piccola arena tutta naturale per fare teatro estivo all’aperto” .
All’ingresso dell’area verde che sarà intitolata al premio Nobel, sono stati messi a dimora cinque faggi. “Fo in lombardo significa faggio e abbiamo voluto omaggiare così Dario, anche con una targhetta in legno con il suo nome e quello di Franca” dicono gli organizzatori del M5S. Altre centinaia di alberi sono invece stati messi a dimora  da una seconda squadra di volontari M5S nel bosco “Berlinguer” al Campovolo,.
Sabato pomeriggio invece al parco Martiri di Villa Sesso sono state messe a dimora una quindicina di alberi che si vanno ad aggiungere ai 250 piantati lo scorso anno.
alberi-5
2.300 ALBERI IN DUE ANNI -In totale in due anni sono circa 2.300 (1.300 nel 2015 i restanti quest’anno) gli alberi messi a dimora dal Movimento 5 Stelle per il progetto autofinanziato “Mille Alberi” che da quest’anno si integra con il progetto “Reggio Respira” del Comune di Reggio Emilia. IL progetto di piantumazione continuerà anche nei prossimi anni.
alberi-7

L’assessore Tutino, a sinistra, con la vanga insieme ai 5 Stelle

PROGETTO ‘VIRALE’ –  “La cosa che più ci riempie di gioia è vedere che dopo il successo dello scorso anno il Comune che già aveva collaborato ha capito lo spirito dell’iniziativa e l’ha ampliata e con Reggio Respira unito ai nostri Mille Alberi si riesce ogni anno a mettere a dimora 3.000 alberi e coinvolgere centinaia di volontari facendo al tempo stesso educazione ambientale” spiega Ivan Cantamessi capogruppo M5S. “Ma l’esempio lanciato dal M5S Reggio Emilia ha fatto scuola tanto che sono partite iniziative a Torino, con la Giunta 5 Stelle con Chiara Appendino che anche lei oggi era a piantare alberi a Torino, Milano, Mira e gli amici di Cavriago. Gli alberi ed i benefici ambientali che portano sono di tutti non hanno colore politico” conclude il capogruppo M5S.
PROSSIMI PASSI – Tutte le piante messe a dimora oggi dotate di bacchette e barriere anti lepre-dopo il ‘letargo’ invernale, a primavera verranno dotate di teli di pacciamatura. Teli che presso il futuro Bosco Dario Fo non è stato possibile mettere causa il terreno pesante.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *