Grissin Bon a Brescia per allungare il record di vittorie consecutive. Coach Menetti: “Voglio concentrazione”.

di Carlo Codazzi – La Grissin Bon dei record affila le armi in vista della trasferta di Brescia in cui affronterà la Germani domani al PalaGeorge di Montichiari (palla a due alle 20.45). I biancorossi sono reduci da 7 vittorie consecutive in campionato, un record per il club di Via Martiri della Bettola che capitan Aradori e soci cercheranno di migliorare, ma occorre superare l’ostacolo Germani che proviene da 2 vittorie conquistate lontano dal parquet amico.

Coach Menetti ha posto il focus della vigilia sulla concentrazione: “La squadra ha lavorato molto bene in settimana, tanto che ho concesso ai ragazzi il giovedì libero. Vogliamo conquistare i 2 punti per proseguire il bel momento a livello di prestazioni e per mantenere la posizione in classifica. Per vincere dovremo mettere sul parquet grande attenzione e concentrazione a livello collettivo – ha sottolineato -. Ognuno dei ragazzi dovrà portare il proprio mattoncino”. La Germani è neopromossa, ma questo non significa che debba pagare uno scotto al’inesperienza nella massima categoria: “Brescia ha soltanto un giocatore esordiente in serie A che è Moore, quindi, non possiamo parlare di squadra inesperta – ha puntualizzato -. La Germani ha composto un roster di elementi rodati che hanno anni di A alle spalle quali, ad esempio, Moss, i fratelli Vitali e Bergreen. Il team di coach Diana viene da 2 trasferte consecutive vinte e questo ha un significato importante – ha avvisato Menetti -. Tra le fila bresciane sta attraversando un buon periodo Marcus Landry che è davvero in grande spolvero.  Quali tattiche abbiamo approntato per contrastare lui e la Germani? Non cerchiamo “magate” tattiche – ha risposto sorridendo -, ma semplicemente puntiamo ad avere la massima concentrazione e la massima applicazione in campo che sono le doti fondamentali che servono per vincere lontano da casa”.

Il coach ha posto l’accento anche sulla tradizione cestistica della piazza bresciana perché anche questo aspetto può avere un peso in partita. “Brescia ha grande tradizione di basket e mi ricorda nomi importanti che hanno fatto la storia del nostro sport quali, per citarne alcuni, Vicinelli e coach Taurisano”. Il S.Filippo ispira ricordi dolci a Menetti. “Ci confrontammo con Brescia anni fa in A2 – il remember del coach – e vincemmo giocando una bella partita al S.Filippo”. Chiuso il capitolo degli “amarcord Menetti è tornato all’attualità. “Se pensiamo al record di 8 vittorie consecutive? No – la secca risposta -. Abbiamo pensato alla settima vittoria consecutiva appena finita la gara con Pesaro e anche stavolta penseremo all’eventuale ottavo successo di fila al termine del match. Cosa cambia dal giocare in casa o fuori? Cambia perché in Italia le trasferte sono dure a tutti i livelli. Lesic è cresciuto? Sì, come James che ha piazzato l’acuto negli ultimi 2’ della scorsa gara. Tutti devono dare il proprio contributo”. Menetti ha concluso dando ottime notizie sul fronte infortunati: “L’infermeria è vuota e anche Cervi e Gentile sono arruolati al 100%”. Tutto è perfetto per tornare da Brescia con un altro record di vittorie.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *