Coppa Italia, la Reggiana passeggia al Braglia
e travolge il Modena in piena crisi: 3-0

di Carlo Codazzi – La Reggiana ha passeggiato al “Braglia” vincendo 3-0 il derby di Coppa Italia col Modena. Tutto facile per le supposte seconde linee granata tecnicamente superiori ai “cugini” d’oltre Secchia precipitati in una crisi senza fondo. Le reti di Lafuente, Mogos e Falcone hanno stroncato i canarini e permesso alla Reggiana di superare il turno della coppa nazionale di categoria. Il terzo successo ufficiale consecutivo dei granata è uno splendido viatico per la sfida d’alta quota con la Sambenedettese di lunedì prossimo.

Granata schierati col 4-3-3 con Narduzzo in porta e i giovani debuttanti Bonetto e Lombardo a giostrare a centrocampo. Giron, Mogos, Angiulli e Manconi i giocatori sul terreno di gioco con più gettoni di presenze, finora, in campionato. Coppia centrale difensiva composta da Spanò e Sabotic, ovvero i titolari della scorsa stagione. Completavano la formazione di Colucci gli attaccanti Lafuente e Falcone. Mister Pavan ha provato a contrastare la Reggiana sistemando i suo con un compatto 4-4-2 che in fase d’attacco diventava 4-3-3 con l’avanzamento di Loi.

La Reggiana, seguita da oltre 300 tifosi entusiasti assiepati nella curva ospiti, ha chiuso la pratica nei primi 18’ di partita con uno-due da ko. La prima rete granata è stata favorita dai canarini che hanno battuto un angolo all’indietro perdendo poi un rimpallo che ha lanciato Manconi verso l’area avversaria, l’attaccante ha messo in mezzo per l’accorrente Lafuente che ha insaccato di piatto sinistro. Al 18’ il raddoppio: corner per la Reggiana, nei pressi dalla bandierina sono andati Angiulli e Lafuente, finta di Angiulli per la battuta dello stesso Lafuente che ha pescato in area Mogos che ha infilato di testa solitario. Con i granata padroni assoluti del campo pareva già finita lì, ma il Modena ha avuto l’occasione per riaprire i giochi al 24’. Punizione battuta dai canarini dalla trequarti ospite, palla respinta che è pervenuta a Loi la cui botta è finita sul braccio di Giron: l’arbitro ha estratto il giallo per il difensore e indicato il dischetto. E’ andato a calciare il penalty Diakite che si è fatto bloccare da Narduzzo, disteso in tuffo sulla sua sinistra, la conclusione. Demoralizzato e fortemente contestato dai suoi tifosi il Modena è andato al tappeto incapace di abbozzare una minima reazione. Sul finire dei primi 45’ l’infortunio di Narduzzo che è caduto male, in seguito ad un’uscita alta, sbattendo pesantemente a terra sul fianco sinistro. Tanta rabbia e lacrime per il portiere che stava guadagnandosi la sua fetta di gloria e sperava di mettere in difficoltà Colucci nelle future scelte riguardo la difesa della porta granata. Spazio, dunque, al giovane Demalija nel ruolo di estremo difensore della Reggiana nella ripresa.

Spanò e compagni hanno chiuso la pratica al 59’. Manconi ha rubato palla ad Aldrovandi, colto da un pisolino in disimpegno, è entrato in area sulla sinistra e ha servito Lafeunte che ha fintato permettendo a Falcone di battere di destro e spedire la palla nell’angolino. Match che non ha avuto più nulla da dire con i granata che hanno controllato senza infierire sugli avversari pericolosi solo in recupero col giovane Ghidoni.

Nel bel pomeriggio modenese la Reggiana ha anche salutato il debutto di uno dei pezzi forti del suo mercato estivo. Alla mezzora della ripresa, infatti, è entrato sul rettangolo verde Alessandro Cesarini che ha fatto vedere alcune belle giocate. Con l’ingresso di Cesarini per Angiulli la Regia è passata al 4-2-3-1 con Manconi centravanti e la coppia Bonetto-Lombardo a fungere da mediani a protezione della difesa. Un recupero importante quello del ex gioiello del Pavia (bloccato da mesi per una pubalgia) in un momento in cui l’infermeria granata è zeppa di nomi importanti: Marchi, Pedrelli, Sbaffo e Ghiringhelli sono fermi ai box.

Superato l’ostacolo Modena, negli ottavi di coppa la Reggiana affronterà la vincente del match tra Venezia e Sudtirol. Adesso però testa e cuore al big match con la Sambenedettese.

Tabellino

Modena – Reggiana 0-3  (p.t. 0-2)
Marcatori:
al 10′ Otin Lafuente, al 18′ Mogos, al 59′ Falcone.

Modena (4-4-2): Costantino; Braccioli, Zucchini, Aldrovandi, Popescu; Serroukh (37′ st Ghidoni), Hardy Nana, Sakaj, Loi (17′ st Basso); Diakite (9′ st Caselli), Ravasi. A disposizione: Brancolini, Accardi, Tulissi, Olivera, Minarini, Calapai, Setti, Chiossi, Makaya. Allenatore: Simone Pavan.
Reggiana: (4-3-3): Narduzzo (1′ st Demalija); Mogos, Spanò, Sabotic, Giron; Bonetto, Lombardo, Angiulli (29′ st Cesarini); Manconi (20′ st Rizzi), Otin Lafuente; Falcone. A disposizione: Vernocchi, Rozzio, Mecca, Panizzi, Masini. Allenatore: Leonardo Colucci.
Arbitro: Detta di Mantova.
Note: ammonito Giron (R) al 24′. Presenti circa 300 tifosi granata. Calci d’angolo 4-1. Recupero 2′ pt, 3′ st.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *