Crac Open.Co: sit-in a Modena dei soci ex-Cormo, che sentono odore di beffa

23/11/2016 – Presidio dei lavoratori Open.Co (ex Cormo) di San Martino in Rio domani mattina davanti alla sede di Legacoop Modena, dove è previsto un incontro con i sindacati sul disastro del settore serramentistico cooperativo. La Open. Co  è in mano al liquidatore Livio Trombone, professionista legato a doppio filo al Pd, che nella giornata di ieri ha incontrato il sindaco di San Martino in Rio Paolo Fuccio insieme al presidente di Legacoop Emilia ovest Andrea Volta (che è anche il presidente di Par.co) e al segretario provinciale del Pd andrea Costa, in una commistione tra partito e cooperative degna d’altri tempi.

cormo 106 Inutile scandalizzarsi: hanno tutti la stessa tessera in  tasca, come i responsabili del crac indusgtriale di San Martino in Rio.

Lo stabilimento ex-Cormo è sempre chiuso, e i soci lavoratori vegliano perché nessuno si azzardi a portare via gli impianti (che sono moderni e ad elevata produttività). Nel frattempo sentono l’ennesimo odore di beffa in quanto esclusi dal progetto di costituzione di una nuova cooperativa che dovrebbe rilevare le attività finite in liquidazione. Il sindaco Fuccio, che domattina parte con i lavoratori in pullman per Modena, sostiene: “Le soluzioni per mantenere l’attività ci sono, ed è un obiettivo condiviso”. Per ora sono solo parole, e intanto il tempo passa.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. renegade Rispondi

    24/11/2016 alle 10:19

    La solita gente che frega gli onesti lavoratori.

    IL mondo cooperativo sta assistendo a questo fatto : gli onesti ed opeosi scoi cooperatori che tutti i giorni lavorano duro, vengono fregati dai direttori e dirigenti delle coop a livello nazionale.

    Non solo perdono il lavoro ma , essendo soci cooperatori anche la loro quota sociale che avevano investito , credendo fosse una garanzia.

    Doppia beffa.

    Renzi, Legacoop, il ministro Poletti cosa fanno ? Nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *