Correggio: “incontro segreto per portare dodici immigrati all’Espansione sud. Perché sindaco e vicesindaco non li mettono vicino a casa loro?”

di Andrea Nanetti*
 21/11/2016 – In una cittadina già sull’orlo del dissesto finanziario a causa di En.Cor., con aziende in crisi, sempre più correggesi in povertà, portano altri dodici presunti profughi da mantenere, oltre ai ventisei già ospitati a spese dei contribuenti, poi come se non bastasse, l’amministrazione PD che fa? Pur non obbligata offre la disponibilità a ben 60 immigrati.

Ciò e pazzesco, irresponsabile e discriminatorio verso tanti concittadini in difficoltà.

 Oggi, lunedì,  dovrebbe tenersi l’incontro tra il vicesindaco Marzocchini e alcuni residenti del quartiere espansione sud, che si troveranno i 12 richiedenti asilo attualmente accolti all’ostello, come nuovi vicini.
Ma pare una mossa di facciata, dato che di quest’incontro misterioso l’amministrazione non ha reso noto pubblicamente nè luogo nè ora esatti, è stato indetto solo adesso che si è “sparsa la voce” dell’arrivo, e soprattutto i correggesi non potranno decidere su niente perché è tutto già stabilito a loro insaputa da comune e cooperativa sociale “l’Ovile.”
Nell’appartamento di circa 90 mq, acquistato sempre dalla cooperativa “l’Ovile” in via Vela (laterale di viale Saltini) in cui da metà 2014 sono alloggiati otto degli immigrati già a Correggio, si sono verificati parecchi disagi, che mi ha testimoniato la signora che abitava nell’unico appartamento attiguo, cito solamente: odori strani, sporcizia lungo le scale del condominio, schiamazzi e alcune liti anche durante la notte, poi “ovviamente” utenze e luci accese “h 24”, tanto pagano gli Italiani le vere vittime del “business accoglienza”.
La convivenza è prevedibilmente difficile perché quei “turisti per sempre” per quanto assistiti, solitamente sono africani che hanno abitudini comportamentali e igieniche molto diverse dalle nostre.
Fatto sta che quella signora un anno fa ha traslocato ma per farlo ha dovuto svendere la propria abitazione.
Ma se per Sindaco e vicesindaco questi disagi non sono un problema allora perché non ospitano i cosiddetti profughi accanto o nelle loro residenze?
*già consigliere comunale a Correggio
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *