Unificazione: il 16 ottobre si vota a Sant’Ilario, Campegine e Gattatico
Il nome: Campidenza, Terre Matildiche o Tannetum ?
Polemiche sui numeri, Fontechiari: “In 10 anni arriveranno 19 milioni”

6/10/2016 – E’ cominciato il conto alla rovescia: tra dieci giorni, domenica 16 ottobre, si voterà nei comuni di Campegine, Gattatico e Sant’Ilario d’Enza per il referendum consultivo sulla fusione dei tre communi. Il referendum è previsto dalla legge reginale che ha istituito il nuovo Comune. Gli elettori in tutto 17 mila 153, con una prevalenza di donne: i maschi sono 8 mila 436 e le femmine 8 mila 717. Le sezioni elettorali sono 19,  distribuite nei tre comuni: 4 a Campegine, 5 a Gattatico e 10 a Sant’Ilario.

I cittadini riceveranno due schede: una per votare sì o no alla fusione, l’altra di colore rosa  per esprimere la preferenza sul nome del futuro comune: la scelta è tra Campidenza., Pianure Matildiche e Tannetum, vale a dire il nome dell’antica città romana della Val d’Enza.

Le urne – comunica la Prefettura di Reggio Emilia –  saranno aperte domenica 16  ottobre dalle 7 e si potrà votare sino alle 23 dello stesso giorno. Lo scrutinio avrà inizio subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti.

Oltre al documento di riconoscimento bisogna anche esibire la tessera elettorale personale. In caso di smarrimento si può chiedere il duplicato agli uffici comunali.

A Campegine gli elettori sono 3 mila 861:1.951 maschi e 1.946 femmine in 4 sezioni. A Gattatico sono 4 mila 665, di cui  2 mila 350 maschi e 2 mila 315 femmine in 5 sezioni. A Sant’Ilario d’Enza sono 8 mila 627: 4 mila 171 maschi e 4 456 femmine in 10 sezioni.

Sul referendum interviene oggi Antonio Fontechiari, uno dei fondatori del Comitato Camminiamo Insieme, con un’intervista che chiarisce i numeri dell’unificazione.

Antonio Fontechiari

Antonio Fontechiari

Da dati sintetizzati da Fontechiari in una tabella, si nota che il Comune più indebitato è quello di Campegine,  con un passivo pro-capite di 328,04 nel 2014, contro i 294,98 di Gattatico e i 284,68 di Sant’Ilario.
I tre comuni fra il  2008 e il  2014 hanno incassato da Stato e 1 milione e 972 mila euro in meno di contributi. Con la fusione, invece, arriveranno  19 milioni di euro da spalmare su 10 anni, oltre a 500 mila euro all’anno dalla Regione per progetti specifici, ai quali va aggiunto un taglio dei costi per l’apparato burocratico di 270 mila euro annui, con un conseguente rilancio – nota Fontechiari – degli investimenti pubblici su opere e servizi e dei posti di lavoro.
Tra i cittadini, in particolare a Gattatico e Campegine, gira voce che il Comune di Sant’Ilario sia molto indebitato e che la fusione trasferirà l’indebitamento anche alle altre Amministrazioni. Leio cosa ne dice?
“Sono a conoscenza di questa voce, ma affermo con certezza che è tutto falso e soprattutto privo di ogni fondamento: basti verificare i dati certi dei bilanci comunali per rendersi conto dell’attuale situazione debitoria dei tre Comuni. La tabella  infatti, dimostra come Sant’Ilario, Gattatico e Campegine abbiano indici di indebitamento pro-capite molto simili, ma se proprio vogliamo essere pignoli quello di Sant’Ilario è addirittura quello più basso. Su questo versante il beneficio maggiore lo otterrebbero quindi i cittadini di Campegine.
Sintesi degli indici di bilanci di Campegine , Gattatico e Sant'Ilario

Sintesi degli indici di bilanci di Campegine , Gattatico e Sant’Ilario

Anche sul versante delle tasse comunali che ogni persona deve pagare ogni anno, i dati sono abbastanza omogenei. In questo caso ricordo l’impegno delle Amministrazioni, in chiave fusione, di omogeneizzare le aliquote fiscali verso il basso e per i cittadini di Gattatico, ad esempio, questo si tradurrà in una riduzione di tasse di quasi il 7%, che oggi non è poco”.

Per quanto riguarda i contributi che arriveranno da Stato e Regione (1.950.000 euro circa all’anno per 10 anni) dopo la fusione, i sostenitori del no sostengono che non esiste alcuna certezza che vengano erogati nel tempo. Hanno ragione?
“A mio avviso no. C’è una normativa che prevede questi contributi e trattandosi di una legge regionale abbiamo una ragionevole certezza che i fondi erogati saranno elargiti fino al compimento del decennio. Di una cosa invece siamo assolutamente certi, ossia del calo dei trasferimenti che annualmente arrivano ai nostri Comuni da Stato e Regione. Dal 2008 al 2014 i nostri 3 comuni hanno visto una riduzione annua di entrate di quasi 2 milioni di euro.
I trasferimenti dello Stato

I trasferimenti dello Stato

E’ importante che i cittadini siano a conoscenza di quale entità siano i tagli a cui gli amministratori devono far fronte. Avere servizi efficienti e risposte ad ogni necessità, oggi non è più scontato. La fusione è una risposta concreta a questa situazione, è la volontà di una comunità di non arrendersi all’ineluttabilità di una mediocre sopravvivenza. Sarebbe utile a tutti se, chi non è favorevole al processo di fusione, avanzasse proposte concrete ai problemi che quotidianamente i nostri cittadini devono fronteggiare. Ricordo che la Corte dei Conti, sulla cui attendibilità crediamo non si possa dubitare, ha verificato che i processi di fusione tra comuni in Emilia Romagna hanno prodotto risparmi di costi per il 4,8% della spesa complessiva.  Per il nostro Comune unificato questo dato significherebbe un risparmio ulteriore di circa 1.050.000 euro”.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *