Sportello sfratti in Tribunale: tutti i giovedì un assistente sociale per le famiglie a rischio

6/10/2016 – Prevenire e arginare la piaga degli sfratti: è questo l’obiettivo del Protocollo d’intesa tra Comune e Tribunale di Reggio Emilia  sottoscritto ieri per dare sostegno a tutte quelle persone che rischiano di perdere l’abitazione. A siglare l’accordo il vicesindaco di Reggio e assessore al welfare Matteo Sassi e il presidente del tribunale Francesco Maria Caruso che hanno deciso di attivare in forma stabile, presso le aule del tribunale, uno specifico Sportello d’ascolto sul tema degli sfratti.

“Il protocollo consolida una relazione istituzionale di piena fiducia e collaborazione tra il Comune e il Tribunale di Reggio Emilia – ha detto il vicesindaco Sassi – Vogliamo che da questa collaborazione nascano ulteriori opportunità per famiglie impoverite che, a causa di morosità incolpevoli, rischiano di perdere la casa”.

Nato in forma sperimentale già a marzo 2015, lo Sportello diventa da oggi ufficialmente un riferimento per coloro che sono sottoposti a procedura di sfratto e desiderano valutare possibilità di rinegoziazione del debito e/o di dilazione della fuoriuscita dall’alloggio.

Ogni giovedì – giornata di udienze di sfratto – un operatore sociale sarà disponibile, accanto all’aula 2 del tribunale, in uno spazio riservato, per ricevere, informare e orientare persone oggetto di un provvedimento di sfratto. Obiettivo è intercettare le famiglie in difficoltà economica – che oggi appartengono sempre più non solo alle fasce deboli, ma anche al cosiddetto ceto medio – al fine di prevenirne lo sfratto per morosità e offrire sostegno al nucleo familiare a cui viene intimato di lasciare l’abitazione. Il personale dello Sportello può infatti orientare i cittadini verso gli appositi servizi in grado di definire percorsi di ridefinizione e rateizzazione del debito o trovare soluzioni abitative alternative in modo da non rendere drammatica l’uscita dall’immobile e far sì che nessuno si ritrovi senza alcun alloggio.

Si tratta di un intervento di mediazione che nel corso della sperimentazione ha dato buoni risultati e che, proprio per questo, viene confermato. Nei primi sei mesi del 2016, su oltre 500 udienze di sfratto realizzate in provincia (comprensive tuttavia anche del settore commerciale), sono state intercettate dallo Sportello 72 diverse situazioni, di cui 29 già note ai servizi sociali del Comune di Reggio, mentre le restanti sono state oggetto di presa di contatto per l’avvio di supporto o segnalate ai Servizi sociali dei Comuni competenti.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *