Seta medievale? “Più fai multe, più ti pago”
Dopo il caso di Mikkel, sotto accusa l’appalto dei controllori alla società Holacheck
Pagliani chiama il sindaco a rispondere in consiglio

Dopo il caso di Mikkel, il ragazzo Down multato, e sembra anche preso in giro, per un biglietto insufficiente sul bus Seta Reggio-Albinea,  il capogruppo di Forza Italia in Sala del Tricolore Giuseppe Pagliani solleva il problema del contratto che lega l’azienda trasporti Seta alla società Holacheck, al quale è appaltato il servizio verificatori (in pratica i controllori di una volta, ma non è chiaro se siano pubblici ufficiali e come vengano formati). La Holacheck è controllata dalla società Hola, con maggioranza a un socio privato e 47% alla stessa Seta.

Il fatto è che il compenso corrisposto a Holacheck consiste in buona parte in una percentuale sulle multe comminate dai verificatori: un sistema che spinge a fare cassa senza preoccuparsi troppo delle procedure e, come si è visto, del buon senso e di possibili incidenti come quello di Mikkel.

Giuseppe Pagliani accanto a Daniela Santanché. A sinistra Gianluca Nicolini, a destra Luca Vezzani

Giuseppe Pagliani accanto a Daniela Santanché. A sinistra Gianluca Nicolini, a destra Luca Vezzani

Con un’interrogazione al sindaco Luca Vecchi, Pagliani ora solleva la questione chiedendo se è opportuno il conferimento all’esterno di un servizio delicato come il controllo biglietti e abbonamenti a bordo, se è vero che il compenso derivi in buona parte dalla multe comminate, e in quale percentuale. Il sindaco dovrà rispondere in Consiglio comunale.

L’INTERPELLANZA DI PAGLIANI

Alla Cortese Att.ne Presidente del Consiglio comunale di Reggio Emilia

E p.c. Sig. Sindaco di Reggio Emilia

Interpellanza a risposta orale

 Dato Che :

la recente triste vicenda di Mikkel , il ragazzo multato su un autobus  SETA  , ha  avuto risalto sugli organi di stampa ponendo l’attenzione sulla società Holacheck  , affidataria del servizio verifiche biglietti sui mezzi SETA.

Il socio unico della Holacheck e’  Hola srl partecipata al 40% da SETA e al 60% da un soggetto privato. Il fatto è che il compenso corrisposto a Holacheck consiste in buona parte in una percentuale sulle multe comminate dai verificatori: un sistema che spinge a fare cassa senza preoccuparsi troppo delle procedure e, come si è visto, del buon senso e di possibili incidenti come quello di Mikkel.

Con un’interrogazione al sindaco Luca Vecchi, Pagliani ora solleva la questione  chiedendo se è opportuno il conferimento all’esterno di un servizio delicato come il controllo biglietti e abbonamenti a bordo, se è vero che il compenso deriva in buona parte dalla multe comminate, e se sì, in q

 

Visto  Che:

il compenso corrisposto a Holacheck  per i servizi appaltati consiste  in buona parte da una quota delle multe versate a SETA dai viaggiatori multati dal personale  di Holacheck  stessa.

È quindi ragionevole pensare che interesse dell’azienda sia quello di accertare  piu’ sanzioni possibili anche a costo di causare incidenti come quello occorso al giovane Mikkel.

A tal proposito sono indicative le dichiarazione del Presidente secondo il quale ” il compito  di Holacheck   non è quello di interpretare la legge ma di applicarla. Se il viaggiatore non è soddisfatto faccia reclamo a SETA. ”

Si conclude che:

Il trasporto pubblico è bene comune e oltre alle regole di accesso al servizio devono essere tutelate le persone che per diverse ragioni (anziani , disabili , stranieri)  trovano difficoltà ad usufruire del servizio e seppur in buonafede possono commettere errori o disattenzioni.

Si interpella il Sindaco e la giunta al fine di sapere:

–         se  è opportuno concedere un appalto ad una azienda partecipata dalla stazione appaltante stessa

–         se attualmente o negli anni scorsi l’appalto è stato concesso  per affidamento diretto e con che tipo di contratto di lavoro sono inquadrati i lavoratori Holacheck.

–         se non sarebbe più economico e pratico impiegare per il servizio di controllo biglietti il personale SETA a rotazione già abilitato per tale incarico.

–         se corrisponde al vero che parte del compenso corrisposto a Holacheck  proviene da una quota delle multe  comminate dal  personale di Holachek stessa . Se si’  in che misura percentuale.

 

 

 

 

GIUSEPPE PAGLIANI Capogruppo Forza Italia

 

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *