Scandiano: investe una donna col Bmw e scappa. Identificato e denunciato alla Procura
: Lui si giustifica: “Ho avuto paura”

20/10/2016 – Alla guida della sua Bmw ha investito una donna, che a piedi in compagnia del marito percorreva via Longarone di Scandiano, ed è fuggito.

La ferita, una casalinga di 65 anni di Scandiano è stata trasportata all’ospedale Magati di Scandiano: un perone fratturato, con prognosi di 30 giorni.

Il pirata, che i carabinieri di Scandiano sono subito riusciti a identificare grazie anche alle  testimonianze dei presenti, è stato rintracciato sotto la sua abitazione.

Si tratta di un operaio di 45 anni, anche lui abitante a Scandiano, che ha ammesso subito le proprie responsabilità si è giustificato così: “Stavo per venire in caserma, ho avuto paura delle conseguenze e sono scappato”. E’ stato denunciato alla Procura reggiana per i reati di omissione di soccorso e fuga a seguito di incidente stradale con danni a persone.

Il fatto è accaduto la sera del 17 ottobre, poco dopo le 18,30. Secondo una prima ricostruzione compiuta dai carabinieri di Scandiano che hanno proceduto ai rilievi, La donna è stata urtata con lo specchietto da una BMW 320 mentre percorreva Via Longarone  in direzione di Via Repubblica. Un impatto violento, al punto che la donna è caduta pesantemente a terra,  mentre il conducente dell’auto si dileguava. Sul posto i carabinieri oltre a recuperare un copri specchietto retrovisore, caduto a seguito dell’urto e poi risultato essere dell’auto in suo all’odierno indagato, rintracciavano un importante testimone che forniva il modello e la targa dell’auto in fuga. I militari effettuati gli accertamenti risalivano al proprietario recandosi presso la sua abitazione di Scandiano. Prima che i carabinieri suonassero alla sua porta l’uomo, di ritorno a casa, alla vista dei carabinieri, ammetteva le sue responsabilità riferendo di essere fuggito dopo l’investimento per paura delle conseguenze. Condotto in caserma ,dopo aver il ritiro della patente di guida, è  stato denunciato alla Procura.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *