Richiedenti asilo in famiglia per 350 euro, no di Fratelli d’Italia
“Solo demagogia, il Comune pensi piuttosto ai problemi dei reggiani”

15/10/2016 – Con un documento firmato dal coordinatore provinciale Alberto Bizzocchi e dal responsabile sicurezza cittadina Giuseppe Manzotti, Fratelli d’italia-an di Reggio Emilia “la propria totale contrarietà al progetto di accoglimento in famiglia dei rifugiati recentemente votato in consiglio comunale dalla sinistra di governo cittadino e di opposizione ovvero da PD, SEL e M5S”.

Il progetto, proposta dal Pd con la mozione De Lucia prevede un contributo di 350 euro al mese alle famiglie che ospiteranno in casa loro uno dei richiedenti asilo che dal canale di Sicilia affluiscono anche a Reggio. con un ordine del giorno dei 5 Stelle il contributo è stato allargato anche a chi ospita in casa un senza tetto reggiano (tuttavia l’importo dell’assegno non viene specificato”.

Un barcone nel canale di Sicilia carico di profughi

Un barcone nel canale di Sicilia carico di profughi

“Riteniamo che detto provvedimento sia demagogico e di dubbia efficacia nei confronti di una corretta gestione dell’emergenza rifugiati in quanto esistono strutture preposte a tale scopo – scrive Fratelli d’Italia – La mozione ha un contenuto di pura propaganda politica e non fornisce certezze concrete sul destino dei rifugiati dopo i sei mesi di accoglimento. Auspichiamo che il Pd e le altre forze di sinistra locali adottino il medesimo impegno nel presentare progetti per ottenere fondi europei da utilizzare per rispondere, in modo adeguato, alle innumerevoli problematiche che affliggono la città di Reggio Emilia e la sua provincia al fine di tendere ad un effettivo miglioramento delle condizioni di vita della comunità reggiana. A tale proposito il Coordinamento Provinciale di Fratelli d’Italia-AN. presenterà a breve le proprie proposte”.

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Richiedenti asilo in famiglia per 350 euro, no di Fratelli d’Italia
“Solo demagogia, il Comune pensi piuttosto ai problemi dei reggiani”

  1. Carlo Rispondi

    15/10/2016 alle 21:37

    Suvvia! Tutti a casa dei dirigenti milionari dei colossi cooperativi e Iren!

  2. Ughetta Rispondi

    16/10/2016 alle 10:20

    Scrivete chiaramente chi e quali Istituzioni ci fanno sotto gli affari sporchi. Lo sapete.
    Del resto la solita ricerchina su web per sapere come stanno le cose nel mondo. :((
    Ma si sa che a Reggio oltre il prosciutto sugli occhi, il popolo ha il lardo nelle vene e i ciccioli nelle orecchie.
    Materialismo condito da opportunismo sostanziale e perbenismo sostanzioso.
    Quanti ne uccide l’ignoranza..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *