Ragazzino Down multato sul bus: “Perché Seta ha appaltato il servizio controllori?”

di Francesco Fantuzzi *

6/10/2016 – La triste vicenda di Mikkel, il ragazzino multato su un autobus Seta per aver sbagliato biglietto, non può essere archiviata con il pur pronto intervento dell’assessore Mirko Tutino e con le conseguenti verifiche sulla qualità del lavoro della società Holacheck, cui il servizio è stato affidato.

Le questioni di fondo, cui pochi paiono porre la necessaria attenzione, sono le seguenti:
– perchè il servizio di controllo dei biglietti è stato esternalizzato?
– quali sono i costi del servizio?
– sono previste provvigioni per ogni multa elevata?
Al di là del necessario rispetto delle regole di accesso, spesso sottovalutate in passato, e della sanzione dei trasgressori, occorre fare chiarezza sulle scelte dell’azienda e della nostra amministrazione, a tutela di chi, come Mikkel, non è in grado di difendersi, ma anche di ogni cittadina e cittadino.

Il trasporto pubblico dovrebbe essere un bene comune, non un’attività cui applicare freddamente logiche di mero profitto, come una provvigione.

Attendiamo pertanto pronto riscontro da parte del Direttore di SETA e dell’Assessore.

*Reggio Città Aperta

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *