Processo Aemilia: venerdì in aula la “primula nera” Paolo Bellini
Il pentito Giglio in videoconferenza l’11 novembre

27/10/2016 – Udienza calda quella di venerdì l processo al processo Aemilia: è prevista la testimonianza della “primula nera” Paolo Bellini, il killer reggiano  arrestato nel 1999 al ristorante Capriolo, che si è attribuito numerosi delitti della guerra di ndrangheta a Reggio, oltre all’assassinio di Alceste Campanile.  Da Molti anni collaboratore di giustizia, vive in una località segreta, ma non sarebbe più sotto programma di protezione.

Ieri intanto il collegio giudicante presieduto da Francesco Caruso a stabilito con un’ordinanza che la testimonianza del pentito Giuseppe Giglio “può e deve essere ammessa”i, dopo che venerdì scorso alcuni avvocati difensori si erano opposti non solo alla testimonianza di Giglio, ma anche all’ammissibilità delle sue dichiarazioni presenti nei verbali degli interrogatori depositati dal pubblico ministero.

Il testimone, già condannato nel rito abbreviato a 12 anni, è detenuto al “41 bis” in un carcere segreto e sarè ascoltato in videoconferenza. La data fissata per l’ascolto del teste e’ l’ 11 novembre.

Ieri  si è invece avvalso della facoltà  di non rispondere Michele Colacino, imprenditore arrestato e in seguito assolto nelle udienze di rito abbreviato. Oltre ad aver subito degli incendi Colacino, socio Transcoop, era stato  intercettato mentre parlava di presunti appalti pilotati nella raccolta dei rifiuti solidi urbani per conto di Iren.

Un imputato del processo, Francesco Amato, ha protestato dalle gabbie contro la decisione di non deporre di Colacino. “Sono in galera da quasi due anni proprio per l’accusa di incendio a Colacino, deve testimoniare”, ha detto. Amato ha insistito sul punto facendo inoltre presente che non potrà partecipare alle prossime udienze dovendosi sottoporre ad un intervento medico. “Parleremo di fatti che non la riguardano – lo riprende Caruso – puo’ fare tranquillamente l’intervento”.

La prossima settimana il processo verrà  celebrato solo il 2 novembre e non il 4, mentre in quella successiva si anticiperà l’udienza da mercoledì 9 a martedi’ 8 novembre.

(fonte: agenzia Dire) 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *