Officina saccheggiata, scoperto giro di ricettatori: nei guai due meccanici di Gattatico

1/10/2016 – I carabinieri della Stazione di Gattatico hanno recuperato costose attrezzature per meccanico rubate: lo hanno rintracciate in  un’officina meccanica gestita da 2 insospettabili fratelli ora finiti nei guai. Con l’accusa di concorso in ricettazione infatti i carabinieri della stazione di Gattatico hanno denunciato alla Procura di Reggio Emilia due fratelli di 32 e 34 anni, entrambi residenti a Reggio Emilia. All’interno della loro officina, ubicata in provincia, i carabinieri della stazione di Gattatico ieri mattina, nel corso di una perquisizione disposta dalla Procura, hanno rinvenuto attrezzi e macchinari rubati del valore di oltre 10 mila euro .

Il furto risale alla sera del 28 febbraio 2016 quando dei ladri dopo aver forzato una porta laterale erano entrati in una officina meccanica di via Vivaldi di Gattatico, saccheggiando le attrezzature con un danno di alcune decine di migliaia di euro . Il maxi furto ha messo in ginocchio l’attività del derubato, al quale non è rimasto che presentare denuncia ai carabinieri.

Le attività investigative condotte in questi mesi hanno portato i militari a concentrare le attenzioni su due fratelli incensurati che hanno anche loro un’officina meccanica.

Dopo aver acquisito elementi di prova definiti “incontrovertibili”, hanno ottenuto un decreto di perquisizione  che ieri mattina è stato eseguito dai carabinieri all’interno dell’attività dei due fratelli. E qui i carabinieri hanno rinvenuto una parte degli attrezzi rubati, restituiti al legittimo proprietario, mentre i due fratelli sono stati deferiti alla Procura per ricettazione. Le indagini non sono finite: è intenzione dei carabinieri risalire alla filiera del riciclaggio partendo dall’identificazione dei responsabili del furto e ad altri compiacenti meccanici ricettatori che hanno acquistato la refurtiva ancora mancante che i carabinieri intendono recuperare interamente.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *