“Mauriziano: perché il Comune non si è mosso prima?”

di Francesco Fantuzzi, Paolo Dallari, Diego Menozzi e Sara Fontanesi*

Lunedì scorso il Consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno che impegna il Sindaco a sollecitare la Soprintendenza a sbloccare i lavori di adeguamento del Mauriziano, chiuso e inagibile dal 23 luglio 2014.

Dalle carte tuttavia non risulta alcun documento che attesti che la nostra Ammistrazione, proprietaria della struttura, abbia effettivamente mai trasmesso fino a quest’anno alcuna richiesta: i Vigili del fuoco a suo tempo hanno formalizzato la proprie osservazioni solo al Comune.

Domandiamo pertanto: la Soprintendenza è mai stata informata fino al sollecito inviato a inizio 2016 da Paolo Dallari?

La nostra Amministrazione ha comunicato di aver inoltrato una missiva alla Soprintendenza medesima il 2 maggio scorso: fino ad allora non ha fatto nulla?

Auspichiamo di sbagliarci, ma questa storia sta divenendo sempre più imbarazzante, purtroppo proprio in concomitanza col cinquecentenario dell’Orlando Furioso.

Perchè tanto tempo tracorso invano?
Vi saranno sanzioni per questi ritardi e chi le pagherà?

Che Amministrazione (peraltro senza Assessore alla cultura) è mai quella che sdegna in questo modo un tale patrimonio culturale?

*I reggiani furiosi  #iostoconLudovico

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *