Fiere: sì dei soci Camer alla gestione
La decisione nelle mani della commissaria giudiziale

19/10/2016 – Mentre vanno avanti a ritmi forsennati i lavori per realizzare il teatro temporaneo nel padiglione D, il “Lime Teather” della Medials di Meglioli  che aprirà i battenti la sera del 5 Novembre con il debutto italiano del celebre Coro dell’Armata rossa, è imminente la pubblicazione, già in questi giorni, del bando per l’affitto del complesso delle Fiere di Reggio in liquidazione.

Il commissario giudiziale Tiziana Volta ha già sul tavolo diverse proposte: due sono del  Club Auto Moto d’Epoca (Camer) che organizza alle Fiere un appuntamento di rilievo internazionale. Ma un’altra almeno sarebbe della Bussola (azienda di promozione e raccolta pubblicitaria) come hanno confermato di recente Marco Barbieri e Pierluigi Saccardi.

fiere area

Non è escluso che altre candidature scendano  in campo a conferma che, nonostante ogni sforzo compiuto dall’establishment politico, dalle istituzioni locali e dalla Regione per mandarlo a gambe per aria, il polo fieristico reggiano non è finito grazie all’iniziativa privata.

Intanto l’assemblea dei soci del Camer, riunita lunedì sera nel salone di via Filangieri, ha detto sì con un vero plebiscito alla proposta del direttivo del Club di gestire direttamente le attività del quartiere fieristico della città nel corso del 2017.   Gli oltre duecento presenti si sono detti favorevoli (solo 3 i voti contrari) a dare seguito alle due offerte già sul tavolo del commissario giudiziale avvocato Tiziana Volta. In questi giorni il Camer ha già incassato il sostegno degli organizzatori delle principali manifestazioni fieristiche private.maiko_rosati_presidente_camer

Il presidente  Maiko Rosati, dopo aver illustrato dettagliatamente agli intervenuti i contenuti e le condizioni delle stesse, ha raccolto il consenso per apportare le modifiche statutarie necessarie per andare avanti nell’ambizioso progetto.

“Abbiamo lavorato intensamente per cercare di mantenere a Reggio Emilia la nostra manifestazione e questa sera abbiamo convocato tutti i nostri iscritti per domandare loro cosa volessero fare – ha dichiarato Rosati. “L’impegno profuso in questi mesi è stato finalizzato per definire gli strumenti per concretizzare questa cosa e sono molto orgoglioso di constatare che gli sforzi fatti sono stati apprezzati e condivisi dagli associati.

Non solo: anche gli organizzatori privati delle manifestazioni più forti del calendario fieristico reggiano ci hanno dato il loro appoggio ed il loro sostegno”.

“Due le proposte – aggiunge  segretario Filippo Curti – al vaglio della procedura concordataria. La prima consiste nella stipula di un contratto di mera locazione degli immobili mentre la seconda, ben più impegnativa, prevede la stipula di un contratto di affitto di azienda, che ci permetterebbe di salvaguardare il posto di lavoro degli attuali dipendenti della Fiera”. Attendiamo a brevissimo, forse già in settimana  l’uscita del bando pubblico per avere un primo riscontro alle nostre proposte”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *