Ai domiciliari per stalking, continua a perseguitare la ex con sms e su facebook: finisce in carcere napoletano di Castellarano

8/10/2016 – Nuovi “guai” per un 30enne napoletano domiciliato a Castellarano che, arrestato in aprile dai carabinieri per una serie di condotte persecutorie nei confronti dell’ex compagna, nonostante fosse agli arresti domiciliari ha continuato a perseguitare la donna con telefonate e su Facebook, inviandole numerosi messaggi intimidatori per ottenere ritiro delle denunce presentate dalla vittima e che avevano provocato l’arresto dell’uomo per stalking.

Sebbene il tribunale di Napoli, dopo la condanna a 2 anni e 2 mesi di reclusione, gli avesse concesso di espiare la pena in casa sua, col divieto di comunicare anche a mezzo telefono con persone diverse dal proprio nucleo familiare convivente, l’uomo ha violato questo divieto più volte.

Utilizzando il suo cellulare ha continuato a perseguitare l’ex compagna attraverso sms di testo e messaggi intimidatori su  facebook. Gli esiti della perquisizione a cura dei carabinieri di Castellarano, in conseguenza alla denuncia presentata dalla vittima, hanno peraltro dimostrato in maniera incontrovertibile la responsabilità dell’uomo nell’attività persecutoria “hi-tech”: i militari  hanno rinvenuto il cellulare con l’utenza utilizzata per inviare i messaggi. Di conseguenza il Tribunale partenopeo ha revocato i domiciliari e ha disposto il trasferimento dell’uomo carcere . Il provvedimento è stato eseguito dai Carabinieri di Castellarano.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *