Addio a Stefano Caroni ispettore antidroga e allenatore di calcio: da oggi la camera ardente, domani i funerali in forma privata

stefano-caroni

Stefano Caroni

Dalle 15 di oggi, giovedì 6 ottobre,si può rendere omaggio alla Salma dell’ispettore superiore della Municipale Stefano Caroni, spirato mercoledì mattina a soli 60 anni al Santa Maria Nuova dove era stato ricoverato lunedì per un infarto seguito da un’emorragia cerebrale devastante.

La camera ardente è aperta nella Casa funeraria Reverberi di via Terezin 15, a Reggio Emilia, sino alle 19 di oggi, e domani  dalle 9 alle 15.  Sempre alle 15  il funerale, in forma privata, per i familiari e i parenti stretti.

La scomparsa di Caroni ha suscitato grande cordoglio in città, dove era conosciuto anche come sportivo, in particolare come allenatore di calcio di squadre come Bagnolese, Fabbrico e Massenzatico. Costernazione fra i moltissimi amici, in generazioni di allievi del calcio e soprattutto nella Polizia Municipale di Reggio Emilia, dove era entrato nel 1989 e dove per molto tempo aveva prestato servizio all’Antidroga.

Un ricordo commosso gli ha dedicato il sindaco Luca Vecchi  che ne ha ricordato l’impegno nell’Antidroga dove, insieme ai colleghi,  ha realizzato risultati brillanti “con numerose operazioni andate a buon fine e diversi sequestri di sostanze stupefacenti ed arresti”.

“Stefano Caroni sapeva stare in mezzo alla cittadinanza reggiana – ha scritto Vecchi – testimoniando ogni giorno la vicinanza dell’Amministrazione alle persone oneste, nella battaglia a favore della legalità e, anche per questo, era molto amato”.

Caroni lascia la compagna Marzia Prandi, la mamma Giovanna, i figli Jacopo, Barbara ed Ericson, il fratello Giovanni. La famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi.

Domani, venerdì 7 ottobre, gli uffici del Comando della Polizia municipale (via Brigata Reggio 28) chiuderanno al pubblico dalle ore 14.30 alle 16.30, per consentire agli operatori di partecipare alle esequie di Stefano Caroni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *