Ore 19, s’illumina la nuova rotatoria di piazzale Marconi: pali fluorescenti come all’Expo
Un intervento finanziato in gran parte dai privati

14/10/2016 – Domani sera, sabato alle 19, i reggiani potranno vedere illuminata per la prima volta, con un’installazione di 24 pali fluorescenti, la nuova rotonda di piazzale Marconi, la piazza della stazione storica di Reggio Emilia.

La rotatoria, disegnata dal paesaggista Giuseppe Baldi,  sarà inaugurata sulle note della Filarmonica Città del Tricolore. La riqualificazione della piazza, in funzione anti-degrado, avviene in gran parte grazie a risorse private.

L’intervento arriva  in ritardo di almeno una decina di anni ( l’ultima giunta Spaggiari presentò un concept firmato da Dennis Santachiara, ma non se ne fece niente) e purtroppo non è risolutivo, perchè il fronte della stazione resterà deturpato dal cubo in cemento dell’ascensore che porta al parcheggio sotterraneo. Ma è  pur sempre un intervento importante dal punto di vista della riqualificazione estetica, come della sicurezza: grazie alla rotonda fluorescente, di notte il piazzale resterà sempre illuminato.

I pali con lampade a led (a basso consumo energetico)  e colori cangianti, sono gli stessi che ornavano il bosco urbano di Enel a Expo Milano 2015. L’accensione avverrà seguendo programmi di volta in volta differenti, in relazione e come citazione di eventi che si svolgeranno in città (Festa del Tricolore, Fotografia Europea e altro) come del resto avviene già per la fontana rasoterra del Valli. Alla notte la luce sarà bianca. Riqualificate anche le aree ai bordi del piazzale, dove sono stati collocati 14 pioppi.
Il costo della riqualificazione di piazzale Marconi è di 100 mila euro. La nuova rotatoria e le nuove piantumazioni sono state realizzate con un investimento di 70mila euro, all’80% con risorse private e con il sostegno di alcune aziende, due delle quali, – l’hotel San Marco e Mediatech – si affacciano nella piazza . Tra gli sponsor anche Coop-Alleanza 3.0 e Banco Cooperativo Emiliano.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *