Sicrea: salvataggio firmato Par.co
Il nuovo uomo forte è Nicola Adriano

adriano_nicola

Adriano Nicola

20/9/2016 – Maxi aumento di capitale e ingresso nel cda di un gruppo di manager guidati da Nicola Adriano, che è il nuovo uomo forte con poteri molto ampi. Se non è un salvataggio, con annesso commissariamento, poco ci manca: accade a Sicrea, la società guidata da Luca Bosi (che è anche presidente  Boorea, presidente dell’Alleanza Cooperativa e vicepresidente vicario di Legacoop Emilia Ovest) nella quale sono confluiti i cantieri e i lavoratori di cooperative in liquidazione come Cmr di Reggiolo, Orion di Cavriago, Cdc di Modena, San Possidonio e Mecoop.

L’aumento di capitale di Sicrea è stato deciso da Par.Co, la finanziaria di partecipazioni cooperative di Legacoop, con l’intervento di Coopfond e della finanziaria modenese Sofinco, ed lo ha annunciato Par.Co con un comunicato ufficiale: la cifra deliberata, che sarà raggiunta gradualmente, è di 5,4 milioni di euro. Una mossa molto impegnativa per Parco, con l’obiettivo di mettere in sicurezza Sicrea che, non è un mistero per nessuno, senza capitali freschi non potrebbe più contare sul denaro delle banche. La crescita di Sicrea, del resto, è stata turbinosa, e il mantenimento di decine di cantieri in tutto il territorio nazionale – con l’obiettivo è di 110 milioni di fatturato – pretende grossi impegni finanziari.

Ma il “rafforzamento strutturale di Sicrea” – così viene definita l’operazione – non si limita ai capitali. Nel consiglio di amministrazione entrano ben quattro nuovi amministratori di primo piano del mondo cooperativo locale: Livio Pallicelli (Transcoop),  Luca Baracchi (Ricerca & Sviluppo di Coopservice) Sergio Nasi (Coopfond) e Adriano Nicola, ex direttore generale di Coopservice e attualmente  amministratore delegato di Par.co.

Adriano Nicola assume anche l’incarico di consigliere delegato con deleghe di amministrazione, finanza e controllo, e diventa così l’uomo forte di Sicrea.

“L’intervento di Parco – si legge nella nota – conferma la sua propensione agli investimenti partecipativi nelle imprese a controllo cooperativo per mezzo di “capitali pazienti”, capaci di assecondare lo sviluppo solido e duraturo delle realtà nelle quali interviene: 18 milioni investiti nel Welfare con garanzia di continuità di circa 450 posti di lavoro in ambito socio-assistenziale, 9,5 milioni investiti nella produzione alimentare per la continuità e lo sviluppo di prodotti locali con oltre 200 posti di lavoro, 37,5 milioni apportati nel settore assicurativo e 12,8 milioni in quello del noleggio a lungo termine di automezzi, quasi 20 milioni infine nel campo immobiliare e delle costruzioni, con un’ottica di lungo termine in grado di sposare solidarietà sociale e progettualità economica”.

“Con l’obiettivo di raggiungere i 5,4 milioni di euro – ha spiegato il nuovo consigliere delegato Nicola – l’aumento di capitale di Sicrea SpA è stato avviato a supporto del piano di sviluppo che vede il Gruppo Sicrea proiettato verso i 110 milioni di fatturato e il consolidamento sull’intero territorio nazionale”.

Adriano Nicola è dal 2012 Amministratore delegato di Parco ed in tale veste ha seguito le principali iniziative di conservazione, ristrutturazione, e consolidamento della cooperazione.

“È stato co-protagonista del progetto di continuità operativa di CMR di Reggiolo che ha poi dato vita a Sicrea – sottolinea la nota – E’ impegnato nel piano di dismissione e salvataggio del Gruppo CCPL e nel rilancio di Grandi Pastai Italiani attiva nella produzione della pasta fresca ripiena e degli gnocchi con 3 stabilimenti”.

Tutte realtà “nelle quali l’ex presidente di Parco Lino Versace, al timone per quasi 20 anni, ha impegnato l’attività della Finanziaria mantenendo un forte radicamento col territorio con valenza economica”.
L’ingresso di Nicola come consigliere delegato di Sicrea “segna anche il cambio di marcia di Parco che con il suo nuovo Presidente Andrea Volta è ora impegnata a riprendere con vigore la funzione di supporto allo sviluppo delle imprese legate alla cooperazione, forte di un patrimonio netto consolidato di 95 milioni e impieghi per 243 milioni”.

Dal consiglio di amministrazione esce Villi Incerti che ha accompagnato Sicrea dalla sua costituzione e che è attualmente impegnato in Demetra Formazione srl.

Da notare che per la prima volta in un comunicato ufficiale si parla di “salvataggio” del Ccpl: non che non fosse chiara la situazione critica del consorzio di via Gandhi, sin dal giorno in Versace ha dato il via all’operazione-verità con il bilancio 2014 in perdita di 101 milioni, ma la sottolineatura sembra voler ricordare a tutti le responsabilità non molto lontane di quella situazione, nel momento in cui Ivan Soncini, l’ex padre-padrone giubilato dal Ccpl, è diventato per decisione governativa presidente di una importante società delle Ferrovie.

Be Sociable, Share!

2 risposte a Sicrea: salvataggio firmato Par.co
Il nuovo uomo forte è Nicola Adriano

  1. mario Rispondi

    20/09/2016 alle 18:21

    Sono soddisfatto che venga rafforzata una società con apportodi capitali. Sicrea è spa. Ma Coopfond, che raccoglie per legge denaro delle cooperative nn ha lo scopo di promuovere ed aiutare coop ? Perchè, anichè ad spa, non aiuta capitalizzandole Unieco ed altre coop; perchè non è intervenuta in Coop7? Non si crede più nella cooperazione ? Però lo statuto di Coopfond, per legge, mi sembra preciso ” aiutare a formare nuove cooperative o a potenziarne altre” perchè le sue risorse sono parte degli utili delle coop. Non mi risulta che le società di capitali versino alcunchè a coopfond!

  2. Rino Ceronte Rispondi

    21/09/2016 alle 18:05

    Perchè i 500 cooperatori che lavorano in SICREA e controllate, da dove crede che arrivino Mario?
    Inoltre SICREA mi risulta che sia di proprietà della cooperazione che versa quello che deve versare.
    Aiutare coop7 messa com’era messa era una follia, invece aiutare i suoi soci lavoratori dando loro un appoggio per una start-up ci stava ma vai a sapere cosa sia successo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *