Scandiano: le case tremano quando passano i treni merci sulla Reggio-Sassuolo
Edificio lesionato e disturbi neurologici: intervento Lega Nord in Regione

29/9/2016 – I treni merci della linea Reggio Emilia-Sassuolo fanno tremare le abitazioni private. E non è una metafora, visto che in un’abitazione di una donna residente nel Comune di Scandiano, le vibrazioni si sono fatte talmente insopportabili da avere creato fenditure alle pareti, l’abbassamento della pavimentazione e disturbi (principalmente del sonno, ma anche neurologici dovuti allo stress) alla malcapitata proprietaria della casa.

«La Fer (Ferrovie dell’Emilia-Romagna; ndr) deve spiegare i motivi di questa situazione – dice il consigliere regionale della Lega Nord, Gabriele Delmonte, che ha presentato un’interrogazione urgente in Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna – visto che esistono comunque dei limiti di velocità e di peso derivanti anche dalle caratteristiche stesse del tracciato.».

In sostanza, se il percorso ferroviario procede linearmente e in aperta campagna, la velocità può essere di un certo tipo, ma in presenza di abitazioni private a ridosso della tratta ferroviaria, apposite tabelle indicano sul tracciato la velocità da seguire. E qui punta il dito Delmonte: «Ci risulta che sia stata intentata una causa legale contro Fer, da parte della persona domiciliata in prossimità della ferrovia, dove peraltro viene svolta anche un’attività commerciale.» .

Da quando è stata spedita la missiva dell’avvocato della donna, tuttavia, la questione pare essersi arenata nelle pastoie della giustizia civile italiana. «Chiederemo all’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, di venire a riferire in aula sulla questione, per capire se tutte le regole sono state rispettate e anche se esistono altre situazioni simili, di cui la Regione e Fer siano a conoscenza sul territorio regionale. Pensiamo sia dovere delle istituzioni, in ogni caso – conclude Delmonte – dare risposte chiare, per risolvere la situazione venutasi a creare.»

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *