Musei di Reggio mondiali su Google Ars & Culture
On line in HD la collezione di Lazzaro Spallanzani
e gli erbari di Zanoni e Filippo Re come non li avevate mai visti

13/9/2016 – A partire da oggi martedì 13 settembre, grazie ad una partnership tra Google e alcune delle istituzioni più importanti al mondo nel campo della storia naturale, all’indirizzo g.co/naturalhistory è possibile visitare virtualmente luoghi emblematici come il Museo di storia naturale di Londra, il Museum für Naturkunde di Berlino o l‘American Museum of Natural History e navigare tra oltre cento storie che riguardano i dinosauri e i fossili più famosi al mondo, ma anche imparare curiosità e fatti meno noti su piante, insetti e minerali.

Erbario di Filippo Re

Erbario di Filippo Re

In Italia, la collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia permette dmusei-google-art-project-santo-spirito-pag-005i passeggiare virtualmente nelle sale del palazzo dei Musei e incontrare alcune tra le collezioni di maggior rilievo storico e museografico, rimaste immutate dal tempo della loro creazione: la collezione naturalistica di Lazzaro Spallanzani, suggestiva “Wunderkammer” settecentesca che presenta un ordinamento museografico fedele ai criteri della “scala naturae” di Linneo; il Museo Gaetano Chierici, divenuto a metà dell’Ottocento meta di studio di molti neo paletnologi provenienti da tutta Europa per ammirare i reperti esposti e studiarne i metodi di classificazione ed esposizione. Completano il tour il sontuoso portico dei Marmi, elegante esposizione di epigrafi di epoca romana e medievale, e la sala Regium Lepidi 3D.

La galleria Spallanzani su Google Ars & Culture

La galleria Spallanzani su Google Ars & Culture

Nella galleria digitale il visitatore ha l’opportunità di scoprire opere uniche provenienti dalle collezioni, dove arte, natura e storia si intrecciano svelando il carattere di estrema varietà che caratterizza i musei reggiani. Le pagine degli antichi erbari di Giacomo Zanoni e Filippo Re, i “meravigliosi” manufatti dello scienziato Spallanzani, le sepolture della necropoli eneolitica di Remedello, potranno essere esaminati come mai prima d’ora grazie alla tecnologia dei gigapixel, un processo fotografico molto potente e utilizzato per creare immagini ad altissima risoluzione.

collezione spallanzani: scultura di marmo di Carrara con cristalli di pirite

collezione spallanzani: scultura di marmo di Carrara con cristalli di pirite

I visitatori hanno a disposizione fin d’ora due storie interattive: “Herbaria Naturalis” (https://www.google.com/culturalinstitute/beta/exhibit/4wIiSZ6xc4sOJg?hl=it), un’occasione unica per ammirare e conoscere gli antichi erbari di Giacomo Zanoni, Filippo Re, e Santo Spirito, pregiate raccolte di campionari erbacei impreziosite da dettagli calligrafici manoscritti e annotazioni d’epoca, solitamente non visibili al pubblico, data la delicatezza dei materiali; e la “Natural Beauty”, (https://www.google.com/culturalinstitute/beta/exhibit/DQKSwSEKag5ZIw?hl=it), mostra virtuale che consente di ammirare nel dettaglio alcuni degli oggetti della collezione personale di Lazzaro Spallanzani, in cui, tra rigore scientifico e suggestione meravigliosa, si disvelano la cultura e gli interessi di uno dei maggiori scienziati della fine del Settecento.

Noce di cocco intarsiata (collezione Lazzaro Spallanzani)

Noce di cocco intarsiata (collezione Lazzaro Spallanzani)

E’ un viaggio in altissima definizione e per questo emozionante, sia per la panoramica a 360° della galleria Spallanzani, sia per la possibilità di vedere nei minimi dettagli oggetti straordinari. Per esempio, è finalmente possibile ammirare i segreti della scacchiera di ambra dello Spallanzani, con le caselle intarsiate in trasparenza. L’attuale collocazione, infatti, non consente di apprezzare dal vivo il lavoro di cesello.

Mas, va dasè, è l’intera passeggiata nelle sale dei Musei ad essere affascinante con i suoi punti di vista inconsueti e in alta definizione.


Storia Naturale – g.co/naturalhistory

Per questa nuova sezione, le istituzioni di storia naturale di 16 paesi hanno creato oltre cento storie interattive, condividendo un totale di 300mila foto, video e altri documenti online in collaborazione con Google. Le ultime innovazioni tecnologiche ci aiutano a dare vita alla magia di questi luoghi leggendari e a offrire a tutti la possibilità di entrare in contatto con la storia della nostra evoluzione e con l’ambiente in cui viviamo, in tutta la sua ricchezza. La nuova sezione, all’indirizzo g.co/naturalhistory, è disponibile gratuitamente sul web e nell’app Google Arts & Culture per iOS e Android. Inoltre, tutti i video a 360° sono disponibili sul canale YouTube del Google Art Project.

Collezione Spallanzani: corallo

Collezione Spallanzani: corallo

Informazioni su Google Arts & Culture

Google Arts & Culture è un modo nuovo e coinvolgente per vivere l’arte, la storia, la cultura e meraviglie del mondo attraverso le opere di oltre un migliaio di organizzazioni in tutto il mondo. Google Arts & Culture è stato creato dal Google Cultural Institute ed è disponibile gratuitamente per tutti sul web, su iOS e Android.

Info: [email protected]; 0522 456477 Musei Civici – uffici, via Palazzolo, 2 e 0522 456816 Musei Civici di Palazzo S. Francesco, via Spallanzani, 1.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *