Montepaschi
Perché Renzi ha fatto fuori Viola

di Dario Caselli

12/9/2016 – Il caos grillino di Roma, opportunamente gonfiato dal Minculpop, copre almeno tre problemi del governo: la legge di stabilità, con l’economia in frenata, il referendum dal risultato per ora incerto e la crisi bancaria, in particolare quella di MPS.

Entro settembre Etruria e le sue sorelle devono essere vendute, ma al momento non si vedono grandi acquirenti e le offerte non hanno superato i 600 milioni di euro, la metà di quanto investito dal sistema bancario nella Good Bank. Altri 1,7 miliardi di euro sono stati investiti nella Bad Bank e anche li è tutto fermo:  se infatti si vendessero a meno del 33% del valore, prezzo a cui Atlante 2 deve comprare le sofferenze di MPS, crollerebbe il castello.

Il governo per ora ha licenziato l’amministratore delegato Fabrizio Viola per sostituirlo con Morelli, già capo della finanza di MPS e legato in passato a l’advisor JP Morgan e dipendente di Merryl, altra banca impegnata nel salvataggio.

Pare che Viola non credesse al piano in gestazione e pensasse necessaria la nazionalizzazione dell’Istituto. Probabilmente a ragione: dall’acquisto di Antonveneta, Mps ha bruciato 15 miliari di aumenti di capitale, senza uscire dalla crisi, perché dunque un’ulteriore iniezione di 5 miliardi dovrebbe risolvere il problema?

Fabrizio Viola

Fabrizio Viola

Non sapendo come gestire il problema dei 5 miliardi di obbligazioni subordinate, più di dieci volte l’affaire Etruria e sorelle, si è deciso di prendere tempo, almeno fino a dopo il referendum. Il rinvio è politicamente abile, ma porterà al sommarsi dei problemi: l’aumento monstre di Unicredit, si parla di 10 miliardi, il rafforzamento della Vicenza e di Veneto Banca. Un po’ la tecnica che viene usata per le clausole di salvaguardia, non vengono cancellate, ma spostate in avanti.

I protagonisti dei crac girano liberi per il Paese e i loro patrimoni hanno tutto il tempo di sparire, la rottamazione si è fermata a D’Alema. Difficile salvare Mps con soluzioni fantasiose come la conversione volontaria delle subordinate in azioni, ma difficile anche non applicare il bail in, che consentirebbe l’intervento statale, ma decreterebbe la fine del governo Renzi. Si tratta di oltre 50 mila obbligazionisti, che temono di finire come gli azionisti, cioè spolpati. Oggi MPS vale 700 milioni di euro, quanto una grossa rurale. Nell’attesa, aumenta la presa politica sulla banca, fingendo di ignorare che è la politica la prima responsabile del disastro, più che una soluzione, una iattura.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. mario Rispondi

    12/09/2016 alle 16:01

    La lobby(???) toscana in azione ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *