La morte di Sylvester alla fermata del bus Rinviati a giudizio l’ex a.d.di Seta, l’autista e il capo officina

28/9/2016 – L’ex amministratore delegato di Seta Filippo Allegra è stato rinviato a giudizio dal gup di Reggio Emilia Angela Baraldi per la morte dello studente di 14 anni Sylvester Agyemang, di origini ghanesi, morto il 13 gennaio 2014 alla fermata bus di viale Piave lato ferrovia. L’accusa è di omicidio colposo con l’aggravante della cooperazione colposa: rinviati a giudizio con le stesse imputazioni anche l’autista Giuseppe Picone e il responsabile dell’officina automezzi Maurizio Coli. Il processo avrà inizio il primo dicembre.

Sylvester Agyemang

Sylvester Agyemang

Lo strazio della mamma alla fermata del bus dove morì Sylvester (Foto Studio Elite - Bertozzi)

Lo strazio della mamma alla fermata del bus dove morì Sylvester (Foto Studio Elite – Bertozzi)

Sylvester morì per andare a scuola: era arrivato da Rubiera con il bus della linea 2 ed era sceso in viale Piave per andare al polo scolastico Makallé. Mentre scendeva il suo zaino rimase incastrato sul bus:  Sylvester cadde sul marciapiede mentre il mezzo ripartiva, battendo la testa e morendo poco più tardi all’ospedale. L’autista non si accorse di nulla.

A seguito della tragedia, la fermata di viale Piave è stata soppressa, sostituita da circa un anno da quella più ampia e sicura di piazzale Giovanni Paolo II. A Sylvester i giovani hanno dedicato il sottopasso pedonale di Santa Croce.

Il manifesto e i fiori in ricordo di Sylvester alla fermata bus di viale Piave lato ferrovia

Il manifesto e i fiori in ricordo di Sylvester alla fermata bus di viale Piave lato ferrovia

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *