Iren? “Un mostro malato”
Busta paga d’oro per l’a.d. Bianco: eppure i sindaci avevano promesso le barricate…

di Francesco Fantuzzi*

30/9/2016 – E’ di ieri la notizia relativa al compenso dell’attuale Ad Bianco che riceverà complessivamente, tra emolumenti fissi e variabili, più soldi di quanti ne guadagnasse il suo discusso predecessore De Sanctis, quello della buonuscita da 950.000 euro.

Eppure, dopo la scandalosa vicenda denunciata nell’Assemblea dei soci del 18 giugno 2014 dai Piccoli azionisti e oggetto della manifestazione di protesta del 1 dicembre dello stesso anno, i Sindaci reggiani, gli stessi peraltro che in quell’assemblea hanno approvato l’indennità di De Sanctis, avevano promesso le barricate contro quello sfregio ai proprie comunità che continuano a soffrire la crisi.

Una manifestazione contro le politiche di Iren

Una manifestazione contro le politiche di Iren

Ma poi i novelli indignados non hanno fatto nulla, a cominciare dal Sindaco del Comune capoluogo, che è anche figura di spicco nel Patto di Sindacato.

Infatti, il piano di incentivazione di lungo periodo proposto dal Cda Iren era contenuto nella Relazione per le remunerazioni presentata il 9 maggio di quest’anno ma, ancora una volta, solo i Piccoli azionisti si sono opposti. Dobbiamo supporre che il motivo di questa ormai costante e colpevole inerzia siano le auto elettriche e le sempre più abbondanti prebende che Iren concede a pioggia sui territori e che saranno oggetto del nostro secondo esposto alla Consob?

I soci pubblici, ancora maggioranza del capitale di questo autentico mostro malato, abbiano un sussulto di dignità e si facciano sentire.
E tutelino gli interessi dei cittadini che rappresentano, le cui bollette continuano ad aumentare ormai senza limiti.
*Comitato interprovinciale Piccoli azionisti
Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    02/10/2016 alle 12:45

    Ricordo che IREN addebita un costo di 144 euro a tonnellata per i rifiuti urbani. La buona legna da ardere, qui in montagna, tagliata e portata a domicilio ne costa 100-110. Le altre multiutility, compresa sino a pochi mesi fa SABAR, addebitano 65-75 euro, di media, a tonnellata. Le varie procure della repubblica dell’Emilia, che intendono fare, archiviare ad infinitum …? Questa si chiama TRUFFA ai cittadini, in regime di monopolio … beninteso monopolio PD.
    Saluti,
    Alessandro Raniero Davoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *