Evasione fiscale: condanne a 7 e 10 anni per figli di Aleotti (Menarini)
Confiscati beni per un miliardo di euro

9/9/2016 – Il tribunale di Firenze ha condannato a 10 anni e sei mesi Lucia Aleotti, presidente della società, e a 7 anni e sei mesi il fratello Alberto Giovanni, vicepresidente, a conclusione del processo che li vedeva a giudizio per accuse, a vario titolo, di evasione fiscale, riciclaggio e corruzione.

Lucia e Alberto Giovanni sono i figli del magnate reggiano Alberto Aleotti, patron della azienda farmaceutica, morto nel 2014. Aleotti era nato nel 1923 a Quattro Castella da una famiglia povera, e cominciò la sua carriera alle Farmacie Comunali riunite di Reggio Emilia, di cui diventò direttore generale.

Lucia e Alberto Giovanni, figli di Alberto Aleotti, il patron reggiano della Menarini morto nel 2014

Lucia e Alberto Giovanni, figli di Alberto Aleotti, il patron reggiano della Menarini morto nel 2014

Con la condanna i giudici hanno confiscato ai figli oltre un miliardo di euro. Secondo gli inquirenti dal 1984 al 2010 il patriarca Alberto Aleotti avrebbe usato società estere fittizie per l’acquisto dei principi attivi, con lo scopo di far aumentare il prezzo finale dei farmaci, grazie ad una serie di false fatturazioni truffando così il Sistema sanitario nazionale, che ha rimborsato medicinali con prezzi “gonfiati”

Il danno per lo Stato sarebbe stato di 860 milioni di euro. Ma il reato di truffa non è stato invece ai due figli del patron, e ciò è all’origine del mancato risarcimento alle diverse aziende sanitarie che si erano costituite parti civili al processo: a Lucia e Alberto Giovanni Aleotti è stato contestato il riciclaggio dei soldi portati all’estero dal padre e i collegati reati fiscali, ma non il reato di truffa.

I fratelli Aleotti, tra l’altro, sono stati assolti, perchè il fatto non sussiste, anche dall’accusa di riciclaggio delle somme provenienti dal delitto di corruzione per il quale il padre era stato condannato dal tribunale di Napoli nel 1997. I difensori degli imputati hanno annunciato che impugneranno la sentenza.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *