Espulsioni, linea dura del Questore
Rapinatore rispedito in Marocco

2/9/2016 – Sette espulsioni in sette giorni: la Questura conferma la linea dura nei confronti degli immigrati malavitosi. L’ultimo provvedimento in ordine di tempo è di qualche ora fa: il questore Isabella Fusiello ha firmato il decreto di espulsione del marocchino Ismail Sabre, 27 anni,  che nei giorni aveva rapinato in modo violento un passante in via Toschi, nel centro di Reggio, con la complicità di alcuni connazionali.

In una settimana l’ufficio immigrazione di via Dante ha dato esecuzione a un provvedimento al giorno: si tratta di 5 ordini di allontanamento e 2 di rimpatrio.

Il marocchino è stato scortato all’aeroporto Marconi di Bologna per essere rispedito in Marocco.  Stessa sorte per un albanese di 38 anni con precedenti per stupefacenti e sfruttamento della prostituzione, non in regola con il permesso. E’ stato imbarcato a Verona lo scorso 31 agosto, subito dopo la sua scarcerazione.

Questa mattina il dirigente dell’ufficio Immigrazione ha sottolineato che nel 2016 sono stati emessi 195 decreti di rifiuto del permesso di soggiorno, a cui si aggiungono 55 decreti di revoca  firmati dal Questore.

Le espulsioni sono state sino ad oggi 180, con 40 ordini di accompagnamento coatto sia verso il Paese di origine (26 rimpatri, compreso quello dell’imam radicale di Carpineti) sia verso i centri di identificazione (14 provvedimenti).

Nel corso dell’anno sono stati emessi 150 fogli di via (senza obbligo di fare imbarcare la persona per il rimpatrio) ma questo tipo di provvedimento non funziona: la percentuale di quelli che hanno lasciato l’Italia è moltobasso. Per chi viene trovato  ancora sul territorio in violazione dell provvedimento di allontanento, scatta la denunciato. Ma sempre con scarsi risultati, che dimostra il recente caso del nigeriano di Montecchio.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. giuseppe Rispondi

    02/09/2016 alle 17:55

    Complimenti al Questore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *