Decisioni aberranti
Masturbarsi in pubblico non è più reato
“Un sindaco mi ha detto: che vuoi che sia tirarlo fuori davanti a delle bambine?”

di Roberto Mirabile*

9/8/2016 – Spiace dover apprendere, per l’ennesima volta, che il nostro sistema giudiziario continua a depenalizzare reati comunque odiosi e da non sottovalutare.

Ormai denunciare un furto è quasi inutile, te lo dicono anche le forze di polizia. Stessa cosa per un borseggio, dove normalmente le vittime sono vecchiette che, cadendo rovinosamente a terra, rischiano pure la vita, per pochi euro della pensione appena ritirata alla Posta.

Ora dobbiamo pensare che masturbarsi in pubblico e di fronte a delle ragazze, seppur maggiorenni, sia come non pagare una contravvenzione per sosta vietata.

Roberto Mirabile

Roberto Mirabile

Non ci siamo proprio. Fermo restando – e vorrei vedere diversamente ! – la distinzione fra atti osceni con minori e no, non capisco con queste decisioni aberranti dove il nostro legislatore voglia arrivare. Pare si ignori il dolore della vittima, la ferita possibile nel suo intimo. Si alza continuamente l’asticella della tolleranza a tutti i costi, anzi a danno della vittima stessa, forse per non affollare le carceri (che ormai mi suona tanto di falso problema), forse per rimarcare ipocritamente la funzione correttiva della pena (ma di quale pena parliamo ?). Più probabilmente perché si insinua subdolamente nella nostra politica e magistratura un’idea buonista che vede lacerarsi il confine, ormai sottile e confuso, fra Abele e Caino.

E se il molestatore si esibisse di fronte alle figlie di un magistrato o eccellente onorevole ? Di questo passo, potremmo arrivare al culmine, cancellando alcune prerogative proprie della tutela dei minori. Cosa vuoi che sia estrarre il membro ai giardini pubblici terrorizzando delle bambine ? Sono le parole che mi ha detto un sindaco nei giorni scorsi, affrontando un caso capitato nel suo paese. Complimenti ! Ci si è messo poi anche il responsabile della forza pubblica locale, che anziché accogliere le giustificate preoccupazioni delle mamme delle bambine, ha sconsigliato loro di sporgere denuncia.

Doppio complimento ! Li metterei tutti in cella con qualche voglioso esibizionista. Se il nostro sistema giudiziario e politico è ancora quello che sostiene l’impossibilità di stuprare una donna perché porta i jeans, allora preoccupiamoci e non stiamo zitti a subire una doppia violenza, quella del reo e quella dell’istituzione complice.

*presidente Caramella Buona onlus

(Già membro dell’Osservatorio per il contrasto della pedofilia – Presidenza del Consiglio dei Ministri)

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Francesco Rispondi

    08/09/2016 alle 14:54

    Incredibile! ma vogliamo scherzare? e bravi quelli della caramella buona, ci vogliono persone così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *