Casa saccheggiata a Buco del Signore
Refurtiva, due auto rubate e la “base” dei ladri trovate grazie al segnale di un iPad

16/9/2016 – I furti nelle case e nei negozi sono diventati un flagello incontenibile. Tuttavia i ladri hanno più filo da torcere di prima grazie alla maggiore vigilanza dei cittadini.

Ad esempio, il sistema di rintraccio dell’iPad ha permesso ai carabinieri di recuperare ben due auto rubate e almeno parte della refurtiva proveniente da un appartamento saccheggiato a Reggio Emilia, nella zona di Buco del Signore.

L’altra sera, tra le 20,30 e le 21,40,  i ladri hanno forzato la finestra di un appartamento, a Buco del signore, e dopo aver rovistato dappertutto sono fuggiti con gli ori di famiglia, un computer e diversi oggetti,  compreso un iPad.

quando il derubato, un 40enne reggiano, si è rivolto ai carabinieri, ha anche segnalato di aver attivato il servizio trova iPad. Proprio grazie a quel segnale i carabinieri del nucleo radiomobile di Reggio Emilia hanno percorso il tragitto compiuto dai ladri sino a un parcheggio del comune di Casalgrande.

Lì i carabinieri hanno rinvenuto un’autovettura C3 rubata, il cui furto era stato denunciato a Modena il 3 agosto scorso: dentro c’era parte della refurtiva trafugata all’interno dell’abitazione di Reggio Emilia, iPad compreso, che è stata restituita al proprietario. Purtroppo mancava l’oro.

Nello stesso parcheggio nel corso dei controlli i carabinieri reggiani rinvenivano un’altra autovettura rubata: una Saab 9-3 trafugat a Formigine il 12 settembre, con all’interno strumenti da scasso. I Carabinieri reggiani non disperano di risalire ai ladri anche attraverso le impronte digitali. Il sospetto è che il parcheggio sia stato utilizzato sino a ieri come base per le scorribande nel reggiano di una batteria di ladri del modenese, specializzati nei furti delle abitazioni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *