Camion incendiati a Miscoso: indagato carabiniere di 50 anni
L’avvocato: “Lui non c’entra, indagini incomplete”

28/9/2016 – Un carabiniere di 50 anni, originario della montagna reggiana ma in servizio da anni in Liguria, è indagato dal sostituto procuratore di Reggio Emilia Valentina Salvi per l’incendio doloso che nelle notte tra il 12 e il 13 luglio ha distrutto due camion dal valore di 300 mila euro, di proprietà dell’azienda di legnami di Stefano Dolci, 65 anni, a Miscoso di Ramiseto.

Il carabiniere è iscritto nel registro degli indagati: nelle settimane scorse, assistito dall’avvocato Matteo Marchesini, è stato ascoltato da pm ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. Sono state perquisite la sua abitazione, l’automobile e la sua postazione nel luogo di lavoro. L’avvocato Marchesini, sentito da Telereggio, ha sottolineato che al momento le indagini sono incomplete e che il suo cliente è estraneo alla vicenda.

Al militare gli inquirenti sono arrivati attraverso l’esame delle immagini registrate da una telecamera di sorveglianza installata da un privato nella zona e analizzate dal Ris dei carabinieri: in esse si vede un’automobile grigia arrivare in via Lagastrello dove erano parcheggiati i camion – un Renault Trucks e uno Scania CV440 – una persona che scende, dà fuoco ai mezzi e fugge.

A suo tempo, Dolci aveva dichiarato di nutrire dei sospetti, e aveva fatto riferimento a vecchie polemiche con gli ambientalisti contrari ai disboscamenti in montagna.

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *